Padrino
No Slot

M5S: "La criminalità si è integrata nel sistema dell'azzardo legale"

22 Luglio Lug 2015 1929 22 luglio 2015
  • ...

L'Operazione Gambling contro il riciclaggio tramite azzardo, condotta questa mattina della Dda di Reggio Calabria, ha portato al sequestro di sale scommesse, siti intenet e beni per un valore di 2 miliardi di euro. I deputati Baroni e Mantero e il senatore Endrizzi del M5S lanciano l'allarme: "è ora di intervenire, a cominciare dal contratto di servizio della Rai e dire un forte no all'azzardo"

“L’operazione Gambling della Dda, è la prova più evidente del fatto che il gioco d’azzardo sia una grande fonte di guadagno per la criminalità organizzata e che questo Paese ha immediato bisogno di una seria legge che contrasti e regoli in modo efficace il fenomeno. Noi siamo sempre stati pronti ad agire in tal senso e lo prova il fatto che, la scorsa settimana , abbiamo inviato una lettera alla Presidente della Camera per chiederle di sbloccare la calendarizzazione della Proposta di Legge costruita dalla commissione Affari Sociali e che, da nove mesi, la maggioranza tiene in naftalina”.

Lo affermano i deputati Massimo Baroni e Matteo Mantero e il senatore Giovanni Endrizzi del M5S.

“Insieme al rilancio della Pdl, la prima mossa che la politica dovrebbe compiere è la firma del contratto di servizio della Rai, presentata dal presidente della commissione di Vigilanza Rai, Roberto Fico, che tra l’altro prevede il divieto della pubblicità dei giochi sui canali pubblici. L’inasprimento delle pene può essere un ulteriore tassello, ma riteniamo che non sia quello lo strumento di partenza per contrastare il fenomeno.

La realtà, affermano gli esponenti del M5S, è che "in questi anni l’offerta di azzardo legale è stata enormemente ampliata, anche con la motivazione di voler così contrastare l’indotto dell'illegale. Alla prova dei fatti queste politiche si stanno rivelando inefficaci: la criminalità organizzata si è infiltrata e integrata all’interno del mondo dell’azzardo legale e si avvale di questo mercato per ampliare il proprio business e per riciclare denaro sporco"

Il Rapporto diffuso il 13 luglio scorso da Bankitalia presenta uno scenario inquietante: il riciclaggi del denaro illegale passa per il circuito semilegale e legale dell'azzardo tout court. Scenario confermato dai numeri dell’odierna operazione sono un campanello d’allarme forte e chiaro: 41 arresti, sequestro di 56 società, 45 delle quali operavano in Italia nel settore dei giochi e delle scommesse, per un volume d’affari complessivo di 2 miliardi di euro.

Contenuti correlati