Pexels Photo 239548 Nguyen Nguyen
Education

Ashoka premia le cinque scuole italiane più innovative

11 Settembre Set 2017 1640 11 settembre 2017
  • ...

Il 16 settembre a Milano verranno premiate le Scuole Changemaker italiane, le cinque scuole d’eccellenza primarie e secondarie migliori d’Italia che hanno superato le selezioni internazionali per didattica e innovazione

Ashoka, la più grande rete al mondo di imprenditori sociali, presenta le Scuole Changemaker italiane: per la prima volta in Italia, cinque scuole d’eccellenza superano le selezioni internazionali ed entrano a far parte della rete globale delle Scuole Changemaker. La rete conta più di 200 istituti in oltre 30 paesi, all’avanguardia per quello che riguarda metodi didattici innovativi e l’attenzione riposta allo sviluppo di qualità come l’empatia, la creatività, il lavoro di gruppo, l'innovazione e l’Intraprendenza.

Sabato 16 settembre 2016 presso lo spazio Base di Milano si terrà l'evento di premiazione, “Riparte la scuola, riparte l’Italia”. Un’occasione per conoscere le metodologie d’avanguardia che sono state sperimentate con successo dalle Scuole Changemaker italiane e per discutere insieme del ruolo di altri fondamentali attori nell’innovare l'istruzione: genitori, compagni, imprenditori sociali impegnati nel settore educativo, media, e aziende. Un evento in cui i ragazzi sono al centro e tutta la comunità educante è protagonista. Tra i tantissimi partecipanti: Davide Dattoli - Fondatore di Talent Garden; liana Morelli – CEO di Boboto; Maria De Biase – Preside promotrice della Scuola Ecosostenibile; Daniele Manni – Candidato Italiano al Global Teacher Prize 2015; Francesca Fedeli – Fondatrice di Fight the Stroke e Ashoka Fellow; Luciana Delle Donne – Fondatrice di Made in Carcere e Ashoka Fellow. Questo evento di premiazione è organizzato con il Patrocinio dell'Assessorato all'Educazione e Istruzione del Comune di Milano e con il sostegno di Fondazione Cariplo e Fondazione San Zeno.

Spiega Alessandro Valera, Direttore Ashoka Italia: «Negli ultimi trent’anni Ashoka ha lavorato per sostenere gli imprenditori sociali che affrontano e risolvono problematiche sociali importanti, con l’obiettivo di aumentare l’impatto e l’efficacia del loro operato. Abbiamo imparato che non è più sufficiente la leadership degli imprenditori sociali, ma è necessario che ognuno di noi si veda e agisca come agente del cambiamento: changemaker che significa appunto "cambia-mondo". Gli oltre 500 Fellow Ashoka impegnati a livello internazionale nel settore educativo dimostrano che trasmettere il valore dell’empatia nei primi anni di vita, partecipare a lavori di gruppo e di leadership condivisa, mettere i ragazzi al centro della didattica, è il metodo migliore per aiutarli ad essere e percepirsi come attori del cambiamento. Per questo motivo abbiamo ritenuto importante e altamente strategico lanciare anche in Italia il programma delle Scuole Changemaker, coordinato da Lorenzo Newman. Un intenso lavoro durato due anni che ci ha permesso di individuare i cinque istituti di eccellenza. Il prossimo obiettivo sarà quello di rendere virali le loro buone pratiche».

Le cinque scuole sono state scelte dopo un lavoro di mappatura iniziato nel 2015, attraverso la tecnica di snowball analysis, ossia un sistema di segnalazioni a catena basato su interviste su 200 istituti che, dal Nord al Sud del Paese, sono stati segnalati per capacità innovativa. Un viaggio che ha permesso di osservare come dirigenti, professori e famiglie stiano lavorando da tempo per cambiare la scuola dal basso.

«Il compito di Ashoka è quello di mettere in rete le scuole Changemaker e sostenerle per far sì che queste innovazioni possano diffondersi e contribuire ad un cambiamento sistemico. L’ambizione è quella di animare un movimento che dal basso faccia emergere un nuovo paradigma didattico nel nostro paese, coinvolgendo tutti, dalle famiglie alle istituzioni nazionali», afferma Lorenzo Newman, Responsabile Education Ashoka Italia.

Le scuole changemaker fanno debate ed educazione tra pari (peer-to-peer). Sono queste alcune delle innovazioni raccontate dal programma Scuole Changemaker di Ashoka: le cinque scuole selezionate spaziano da Brindisi a Mantova, sono pubbliche e private, elementari e medie. Realtà molto diverse ma accomunate dalla propensione a innovare e sperimentare, per offrire ai giovani opportunità di sviluppo sempre migliori e al passo con le sfide che li aspettano una volta usciti. Ecco quali sono le 5 scuole Changemaker: Scuola Secondaria Superiore I.I.S.S. Majorana di Brindisi: libri autoprodotti, area relax in classe, tablet e lavagne intelligenti, prima scuola ad usare l'Oculus rift, sono solo alcune delle idee sperimentate ed introdotte nel corso degli anni dal suo vulcanico dirigente, Salvatore Giuliano; Scuola primaria e secondaria inferiore I.C. San Giorgio di Mantova: aule feng shui, progetti europei, scambi internazionali, ma anche un utilizzo della tecnologia e degli spazi funzionale ad una didattica più efficace; Scuola secondaria superiore Collegio del Mondo Unito U.W.C. Adriatic di Duino: college internazionale, 200 ragazzi da oltre 100 paesi , dove si respirano multiculturalità e rispetto per la diversità, ma si impara anche l’autonomia, con un piano di studi personalizzabile, che include il volontariato, e la vita nel campus; Scuola primaria e secondaria inferiore Città Pestalozzi di Firenze: una scuola all’avanguardia, capofila in Italia per la sperimentazione di metodologie incentrate sull’apprendimento collaborativo, accompagnate da attività extra come teatro e falegnameria; Scuola secondaria superiore Liceo Attilio Bertolucci di Parma: In questo istituto moltissime sono le opportunità offerte agli studenti. Educazione alla pace, volontariato, ma anche coding, stampa 3d, una redazione scolastica e un orto.

Foto: Nguyen Nguyen/pexels

Contenuti correlati