Leaf 1571833 1280
Idee

Cattedrali del (post) populismo

9 Dicembre Dic 2017 1021 09 dicembre 2017
  • ...

Le nostre attuali cattedrali, i nostri monasteri e le nostre università non sono forse - qui e ora nel mondo delle reti e dell'intelligenza artificiale, frutti comunque del desiderio umano di sopravvivenza - le divisioni di campo e funzioni tra vertici e nodi glocal della economia politica tecnoscientifica a prezzo della carne (dolore) di ogni essere vivente?

A parte i riferimenti ad alcuni commentatori del populismo - impegnati a distinguere tra volontà di popolo e strumentalizzazione di tale volontà a fini ideologici e politici (impegnati dunque a interpretarne i contenuti, il presupposto spirito, anelito, oppure a servirsene come strumento di persuasione, idolatria, ma a rigore di logica non persuasione del popolo, in quanto esso è dato per vitalmente autentico, per così dire già convinto, ma persuasione di quelle classi e quei ceti socilai che ne possano trarre legittimità e forza così da prendere parte, farsi parte, organizzarsi nel nome del popolo) il succo del discorso di Franco Cardini sul populismo, come emerge dall'intervista di Filippo Romeo pubblicata su Vita, è tutto qui:

«Il pensiero “europeo” della Cristianità occidentale è quello che si è espresso nelle cattedrali, nei monasteri e nelle università. Era un pensiero fondato sulla metafisica, sulle distinzioni gerarchiche e sul comunitarismo. La Modernità, ch’è essenzialmente individualismo e primato dell’economico-tecnologico, lo ha distrutto. Il mondo moderno, quello dell’economia-mondo, dello “scambio simmetrico” e dello sfruttamento generalizzato dell’uomo sull’uomo (la globalizzazione è questo) non è nato da uno sviluppo armonioso di quello che c’era prima, bensì da una rivoluzione: la Rivoluzione appunto individualista e materialista. Ci vorrà un’altra Rivoluzione per distruggerlo».

Ma «nelle cattedrali, nei monasteri e nelle università» è stata la voce del popolo a parlare o i gruppi e ceti intellettuali che, interpretandone la natura, gli hanno dato voce, ne hanno fatto un corpo? Una volotà superiore? E la Rivoluzione Moderna "individualista e materialista" di quella voce - lanciata al popolo assai più che essere "popolo", corpo del potere assai più che carne umana - è stata davvero una catastrofe per il pensiero cristiano del popolo (o per il popolo del pensiero cristiano) oppure ne è stato il compimento sul piano della volontà di potenza della civilizzazzione? E la dimensione del post-capitalismo - il superamento delle sue religioni - di cui parla Cardini e di cui noi tutti siamo ora costretti a parlare, non è forse a sua volta il compimento di un pensiero diversamente "fondato sulla metafisica, sulle distinzioni gerarchiche e sul comunitarismo"?

Le nostre attuali cattedrali, i nostri monasteri e le nostre università non sono forse - qui e ora nel mondo delle reti e dell'intelligenza artificiale, frutti comunque del desiderio umano di sopravvivenza - le divisioni di campo e funzioni tra vertici e nodi glocal della economia politica tecnoscientifica a prezzo della carne (dolore) di ogni essere vivente?

Contenuti correlati