MNA Palermo Tutori Volontari
Minori

Tutori volontari, ai Tribunali arrivano i primi elenchi di nomi

8 Gennaio Gen 2018 1455 08 gennaio 2018
  • ...

Si stanno concludendo in questi giorni le prime edizioni dei corsi di formazione per gli aspiranti tutori volontari per minori stranieri non accompagnati, cui hanno partecipato complessivamente quasi 2.800 persone. In Lazio attestati per 170 tutori volontari. La Garante per l'Infanzia: «Ora i giudici procedano speditamente alle nomine, così da consentire ai cittadini che hanno dato la loro disponibilità di svolgere l’importante compito a cui sono chiamati»

Svolta in vista per i minori non accompagnati del Lazio. Mercoledì 10 gennaio, i 170 aspiranti tutori volontari che hanno partecipato ai corsi di formazione riceveranno l'attestato di partecipazione e sottoscriveranno la richiesta di iscrizione nell’Elenco dei tutori volontari per minori stranieri non accompagnati istituito presso il Tribunale per i Minorenni di Roma. L'appuntamento è alle 10.30 presso l’Aula Europa della Corte d’Appello di Roma: a consegnare gli attestati saranno il Presidente del Tribunale per i minorenni di Roma, Alida Montaldi, e il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Lazio, Jacopo Marzetti.

Interverranno Luciano Panzani, Presidente della Corte d'appello di Roma, Giovanni Salvi, Procuratore generale della Repubblica presso la Corte d'appello di Roma, Amalia Settineri, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Roma, Francesco Monastero, Presidente del Tribunale di Roma e Maria Monteleone, Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Roma.

Lo scorso 15 dicembre invece l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, Filomena Albano, ha consegnato al Tribunale per i minorenni di Firenze l’elenco con i primi 47 aspiranti tutori volontari di minori stranieri non accompagnati formati nella regione Toscana. La cerimonia è avvenuta al termine della prima giornata del nuovo corso di formazione organizzato a Firenze con il supporto di EASO – l’Ufficio europeo di supporto all’asilo, cui stanno partecipando altri 46 cittadini disponibili ad assumere l’incarico. «Ora è importante che i giudici procedano speditamente alle nomine, così da consentire a questi cittadini, che hanno dato la loro disponibilità, di svolgere concretamente l’importante compito di guida a cui sono chiamati. Quest’occasione mi permette di esprimere la mia gratitudine verso i tanti cittadini che stanno rispondendo al nostro appello ad assumere il ruolo di punto di riferimento per le tante persone di minore età che arrivano sole nel nostro paese», ha detto la Garante, che in una recente intervista ha parlato di quasi 2.800 candidati che hanno partecipato ai corsi ed è tornata a chiedere permessi dal lavoro per svolgere la funzione di tutore e un’assicurazione.

Il Consiglio dei ministri ha approvato il 18 Dicembre 2017 il decreto che attribuisce ai Tribunali per i minorenni, anziché al giudice tutelare, la competenza a nominare il tutore del minore straniero arrivato solo nel nostro Paese.

Contenuti correlati