Scuole Aperte 2
Scuola

Scuole aperte, Milano rilancia e le promuove

15 Ottobre Ott 2019 1627 15 ottobre 2019
  • ...

Nasce il sito dedicato a Scuole Aperte 2.0, un grande contenitore di notizie, eventi, documentazioni, informazioni di servizio e una bacheca per chi cerca o offre iniziative dedicate al mondo della scuola

Quellaa che era una grande promessa (si veda l'iniziativa a livello nazionale dell'estate 2016), quella di spingere i 40mila edifici scolastici a diventare case di quartiere e di terririo, è piano piano scemata pur sopravvivendo in decine di esperienze eccellenti.

Ora a Milano si rilancia. Nasce il sito dedicato a Scuole Aperte 2.0, un grande contenitore di notizie, eventi, documentazioni, informazioni di servizio e una bacheca per chi cerca o offre iniziative dedicate al mondo della scuola: www.scuoleapertemilano.it.

Sul nuovo portale – presentato oggi ai Dirigenti scolastici dall’assessore all’Educazione Laura Galimberti e dal Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano Marco Bussetti – è anche disponibile la nuova mappa interattiva, per scoprire quali progetti sono attivi in collaborazione con il Comune di Milano all’interno di ogni scuola, con un rimando diretto al sito istituzionale dell’Istituto comprensivo, così che si possano conoscere anche tutte le altre iniziative portate avanti con altri Enti e associazioni.

Scuole Aperte 2.0 è nato in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale per promuovere e sostenere tutti quei progetti e quelle azioni utili all’attuazione del diritto allo studio e del successo formativo e al contrasto alla dispersione e alla segregazione scolastica. L’obiettivo principale è quello di favorire l’apertura delle scuole in orario extrascolastico perché diventino luoghi di aggregazione, utilizzabili da tutto il quartiere.

“La scuola è la prima infrastruttura sociale del territorio – commenta l’assessore Galimberti – ed è per questo fondamentale che diventi sempre più un luogo di inclusione e integrazione, che sia aperto alla città per dare occasioni di incontro e socialità. Questo progetto vuole dunque facilitare la sperimentazione e la diffusione di modelli e progetti di ‘Scuola Aperta’”.

“La metropoli può essere dispersiva, ma ogni scuola può e deve diventare un centro di aggregazione anche per il quartiere – dichiara il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano Bussetti –, una struttura al servizio della cittadinanza, dunque anche delle famiglie. Già lo è, ma con l’accordo da noi rinnovato nel febbraio 2019 si procede e si rafforza l’intento: essere punto di riferimento sociale e culturale”.

Per essere definito “Scuola Aperta”, l’istituto deve avere alcune caratteristiche: la presenza di un’associazione di genitori ufficiale, in convenzione con la scuola; la promozione e realizzazione di attività extracurricolari in giorni di chiusura o in orario extrascolastico; l’inserimento dei progetti e delle attività extracurricolari nel Piano triennale dell’offerta formativa; l’attivazione o la partecipazione a progetti di ‘Scuole Aperte 2.0’, in collaborazione con le Istituzioni o finanziati tramite bandi; la collaborazione con le realtà del territorio (biblioteche, musei, impianti sportivi, associazioni…), per arricchire l’offerta formativa anche tramite uscite in città degli alunni; la collaborazione con le realtà del territorio, per aprire gli spazi scolastici alla cittadinanza, coinvolgendo anche il mondo del volontariato (nonni, ex alunni, associazioni, aziende…); la collaborazione alla rete ‘Scuole Aperte 2.0’, anche tramite contributi e segnalazioni sul sito e attraverso la newsletter.

Sul portale sono anche disponibili tutti i vademecum utili a partecipare attivamente alla vita della scuola: avviare un’associazione di genitori, fare volontariato occasionale, allestire un orto scolastico e ‘adottare’ una panchina rossa contro la violenza sulle donne.

Contenuti correlati