Wood 591614 1280
World Migration Report 2020

Africa: un mondo di migrazioni interne

29 Novembre Nov 2019 1020 29 novembre 2019
  • ...

La maggior parte dei rifugiati e dei richiedenti asilo del Continente sono "internally displaced" e sono stati ospitati nei paesi limitrofi a quello di provenienza. Lo rivela l'ultimo rapporto dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Nel 2019, secondo il World Migration Report 2020 dell'Organizzazione Mondiale per le Migrazioni, oltre 21 milioni di africani sono stati costretti a migrare. La maggior parte dei movimenti migratori, però, è tra regione e regione all'interno del Continente. L'aumento di queste migrazioni interne, rispetto agli anni precedenti, è significativo. Nello stesso periodo è aumentato anche il numero di africani che vivono in regioni diverse da quelle di origine è passato da circa 17 milioni nel 2015 a quasi 19 milioni nel 2019.

Dal 1990 il numero di migranti africani che vivono al di fuori dal Continente è più che raddoppiato, con una crescita più marcata verso l'Europa. Nel 2019, la maggior parte dei migranti africani che vivono al di fuori della regione risiedeva infatti in Europa (10,6 milioni), in Asia (4,6 milioni) e Nord America (3,2 milioni).

Migrazioni e crescita demografica

La crescita demografica in Africa è agli antipodi rispetto al suo declino in Europa. L'aumento significativo delle migrazioni internazionali in Africa, si legge nel Report, ha contribuito alla recente crescita demografica a livello nazionale. Anche se la migrazione non è l'unico fattore, ma vanno considerati gli alti tassi di fertilità e l'aumento dell'aspettativa di vita , l'aumento della migrazione intraregionale all'interno del Continente ha determinato in alcuni paesi cambiamenti significativi della popolazione.

Ad esempio, negli ultimi anni la percentuale di migranti internazionali rispetto alla popolazione nazionale della Guinea Equatoriale è aumentata notevolmente. Nel 2005, i migranti internazionali rappresentavano meno dell'1% della popolazione della Guinea Equatoriale, ma nel 2019, questa percentuale è salita a quasi il 17%. Il Sudafrica ne è un altro esempio. Nel 2005, i migranti internazionali rappresentavano il 2,8% della popolazione sudafricana; nel 2019, questo tasso è salito al 7%.

Migranti verso, all'interno e dall'Africa 1990-2019

Corridoi migratori

Esistono importanti corridoi migratori all'interno e dall'Africa, molti dei quali sono legati alla vicinanza geografica e ai legami storici. I corridoi migratori, si legge nel Report, "rappresentano un accumulo di movimenti migratori nel tempo e forniscono un'istantanea di come i modelli migratori si sono evoluti in significative popolazioni di origine straniera nei paesi di destinazione speciale". Alcuni dei più grandi corridoi migratori che coinvolgono i paesi africani, , sono tra paesi nordafricani come l'Algeria, il Marocco e la Tunisia verso Francia, Spagna e Italia.

Altri, come quelli tra il Sud Sudan e l'Uganda, Somalia ed Etiopia, sono il risultato di spostamenti su larga scala dovuti al permanere di conflitti. Esistono anche importanti corridoi di migrazione della manodopera verso gli Stati del Golfo, come nel caso dell'Egitto verso l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti.

I Paesi con più migrazioni nel 2019

Gli spostamenti interni

Lo spostamento all'interno e dall'Africa è una delle principali caratteristiche delle migrazioni africane. La maggior parte dei rifugiati e dei richiedenti asilo del Continente sono stati ospitati nei paesi limitrofi a quello di provenienza. Analogamente al 2017, il Sud Sudan ha generato il maggior numero di rifugiati in Africa nel 2018 (2,3 milioni) e si è classificato al terzo posto nel mondo, con la maggior parte dei rifugiati ospitati in paesi vicini come l'Uganda.

Dopo decenni di conflitti, la Somalia ha prodotto il secondo più alto numero di rifugiati nella regione, con la maggioranza ospitata in Kenya ed Etiopia. Altre grandi popolazioni di rifugiati provengono dal Sudan, dalla Repubblica Democratica del Congo, dalla Repubblica Centrafricana e dall'Eritrea. L'Uganda è rimasto il più grande paese di accoglienza dei rifugiati della regione, con circa 1,2 milioni di rifugiati che vivono nel paese; la maggior parte proveniva dal Sudan meridionale e dalla Repubblica Democratica del Congo. Altri grandi paesi che nel 2018 hanno ospitato i rifugiati sono stati il Sudan e l'Etiopia.

Clima e conflitto

I movimenti di persone più consistenti in Africa si sono verificati nell'Africa subsahariana, con la maggior parte degli sfollati a causa di conflitti e non di disastri. Ciò è in contrasto con l'Asia, che ha registrato un maggior numero di sfollati a causa di catastrofi climatiche.

Alla fine del 2018, ci sono stati 2,9 milioni di nuovi sfollati in Etiopia, il numero più alto a livello mondiale. Oltre agli sfollati a causa del conflitto, vi sono stati più di 290.000 nuovi sfollati in Etiopia a seguito di disastri cclimatici

Nel 2018, la Repubblica Democratica del Congo ha registrato il secondo più alto numero di nuovi sfollati in Africa e nel mondo, con un totale di 1,8 milioni di persone.

È importante ricordare che i disastri climatici e ambientali stanno diventando un fattore scatenante e lo saranno sempre più. Un caso è quello del Mozambico, che di recente è stato colpito dai cicloni Idai e Kenneth.

Contenuti correlati