Lucio Moderato
Fondazione Sacra Famiglia

Addio al professor Lucio Moderato

10 Dicembre Dic 2020 1745 10 dicembre 2020
  • ...

Psicologo e psicoterapeuta, ha speso la vita per giovani e adulti con autismo, senza risparmiarsi mai. «Sentiamo il dovere di raccogliere la sua eredità umana e scientifica e di continuare il suo progetto per le persone autistiche a cui ha saputo dare strumenti e speranza di futuro», dice don Marco Bove. Il saluto di Elio

Un grave lutto ha colpito la Fondazione Istituto Sacra Famiglia: è mancato, dopo aver lottato contro il Covid, il professor Lucio Moderato, Direttore dei Servizi Innovativi per l'autismo della Fondazione. «Un enorme dolore per noi, per i colleghi che l'hanno conosciuto e apprezzato in questi anni, per le migliaia di famiglie e di bambini, giovani e adulti con autismo per cui il professor Moderato ha speso la vita senza risparmiarsi mai. Grazie Lucio per quello che hai fatto e per come lo hai fatto», ha scritto la Fondazione nel darne l’annuncio.

«Si tratta di una gravissima perdita per noi e per molte famiglie che da anni seguiva con passione e competenza», dichiara il presidente di Sacra Famiglia don Marco Bove. «Mentre condividiamo il dolore dei familiari e di tutti coloro che lo hanno amato, sentiamo il dovere di raccogliere la sua eredità umana e scientifica e di continuare il suo progetto per le persone autistiche a cui ha saputo dare strumenti e speranza di futuro».

Nato a Sacile nel 1955, psicologo e psicoterapeuta, Moderato è stato a lungo Direttore dei Servizi per l’Autismo Fondazione Sacra Famiglia di Milano. Ha svolto attività di docenza in Pedagogia dei Disturbi Generalizzati dello sviluppo presso l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano/Brescia. Autore di più di 100 pubblicazioni riguardanti i processi abilitativi nella disabilità intellettiva e l’autismo e responsabile scientifico di numerose associazioni e fondazioni, nel 2017 era stato insignito della Carica di Cavaliere all’Ordine della Repubblica Italiana per meriti scientifici e umanitari. Solo a settembre aveva inaugurato a Varese quattro appartamenti didattici "Blu Home", pensati per osservarne i comportamenti quotidiani dei ragazzi con autismo attraverso un sistema audio e video, così da poter intervenire meglio per correggere i comportamenti disadattivi, un progetto di abilitazione intensiva unico in Europa.

Questo il saluto di Stefano Belisari, in arte Elio, cantante e fondatore di Elio e le storie tese, padre di un ragazzo con autismo, da qualche anno pubblicamente impegnato in diverse iniziative di sensibilizzazione.

Contenuti correlati