Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Education & Scuola

A Padova, banchieri dei poveri Guatemala

La Bottega del mondo 'La Tortuga", organizza sabato un incontro con padre Rosolino Bianchetti e Lucas Ramires, che hanno promosso il microcredito nel paese latinoamericano.

di Giampaolo Cerri

Padre Rosolino Bianchetti, originario della Diocesi di Crema e da 5 anni parroco di Chajul, in Guatemala, e Lucas Ramirez, responsabile di Radio Chajul saranno ospiti del Consorzio Etimos per incontrare la città di Padova sabato 6 ottobre, alle ore 11 presso la Bottega del Mondo La Tortuga, in piazza dei Signori,1. Proprio il Consorzio di microcredito di Padova, Etimos, ha sostenuto finanziariamente dall?inizio l?associazione guatemalteca che oggi opera in diverse direzioni per promuovere i diritti della popolazione locale, favorire le microimprese, facilitare l?accesso ai servizi sanitari e sociali. Oggi Ca?l Caq Quyol, che significa ?con una sola voce?, ha istituito una Cassa popolare di risparmio e credito; gestisce una magazzino e una torrefattrice per la produzione di caffè per il circuito del commercio equo, due mulini per la lavorazione del mais ed alleva bestiame destinato alla produzione di formaggio per il mercato interno. I laboratori artigianali si occupano della tessitura di capi con motivi tradizionali, che sono destinati all?esportazione e vengono venduti nelle Botteghe del Mondo europee. Con i ricavati di questa attività, l?associazione ha potuto costruire una farmacia e fondare una clinica di medicina naturale; sostiene un Centro di sviluppo sostenibile per la formazione professionale; da qualche tempo, trasmette in lingua spagnola, quiché e ixil attraverso Radio Chajul, emittente nata per comunicare i valori culturali e il rispetto dei diritti umani e dell?ambiente. Grazie a questo percorso di riscatto, la mortalità infantile della regione è scesa all?uno per cento, il tasso di scolarizzazione è cresciuto, passando dal 10 al 70%, e l?associazione ha beneficiato più di 25 mila persone su un totale di 100 mila abitanti.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA