Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Media, Arte, Cultura

Ambiente: quanto inquina il riscaldamento domestico

Stime dell'Enea parlano di ben 42 milioni di tonnellate all'anno di anidride carbonica immesse nell'atmosfera

di Gabriella Meroni

Dopo un’estate prolungata, gli italiani hanno riacceso il riscaldamento domestico. Ma, oltre a portare tepore dentro la casa, gli impianti termici emettono anche una grande quantità di inquinamento nell’atmosfera: stime dell’Enea parlano di ben 42 milioni di tonnellate all’anno di anidride carbonica. Dopo i gas di scarico delle auto, il riscaldamento domestico è la principale fonte di inquinamento delle città. Tuttavia, basterebbe fare la normale manutenzione prevista dalla legge per ridurre i consumi e quindi anche l’inquinamento del 7%, il che equivarrebbe a risparmiare circa 294.000 tonnellate di Co2 all’anno. Ogni anno, secondo l’Enea, per riscaldare le case, gli italiani bruciano circa 14 miliardi di litri di gas, 6,5 miliardi di litri di gasolio, 2 milioni di tonnellate di combustibili solidi, come il carbone e la legna. Questa miscela di combustibili emette, oltre all’anidride carbonica, anche circa 370.000 tonnellate di altre sostanze inquinanti, come ossidi di azoto, di zolfo, di carbonio. Per ogni tonnellata di gasolio bruciata si emettono 3 tonnellate di Co2, mentre per una tonnellata di metano, la Co2 è pari a 2,8 tonnellate. Ma non è solo ambientale il prezzo da pagare per avere la casa calda. Gli italiani spendono, infatti, complessivamente oltre 23.000 miliardi di lire per l’acquisto di energia dall’estero ed ogni famiglia spende in media più di 1 milione di lire all’anno per riscaldarsi. Una buona manutenzione quindi, oltre che all’ambiente, farebbe bene anche alle tasche dei cittadini. Ad ogni radiatore, suggerisce l’Enea, al posto della valvola manuale, si possono installare valvole termostatiche per regolare automaticamente l’afflusso di acqua calda in base alla temperatura scelta ed impostata su un’apposita manopola graduata. La valvola si chiude mano a mano che la temperatura ambiente, misurata da un sensore, si avvicina a quella desiderata, Così si può risparmiare energia nelle giornate meno fredde.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA