Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Comitato editoriale

Al Meeting giovani la “FormAzione InterAttiva”

Apputamento ad Acitrezza il 12 e 13 ottobre per un centinaio di giovani volontari Fratres che, provenienti da tutta Italia, si riuniscono per il loro secondo Meeting nazionale

di Redazione

A scuola di volontariato per promuovere la donazione del sangue. È l’appuntamento che attende un centinaio di giovani volontari Fratres, provenienti da tutta Italia che sabato 12 e domenica 13 ottobre si riuniranno ad Acitrezza, nota frazione del Comune di Aci Castello (CT), presso il Marina Palace Hotel SPA & Congress Hall, per partecipare al loro 2° Meeting Nazionale il cui tema centrale sarà la formazione associativa.

La due giorni, organizzata con il patrocinio del Comune di Aci Castello e con il contributo del Csve (Centro Servizi Volontariato Etneo), del Cesv Messina (Centro Servizi per il Volontariato Messina) e del Cesvop (Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo), è articolata in due sessioni programmatiche: una associativa, che si terrà sabato, riservata alla formazione dei 100 giovani volontari accreditati e una pubblica, che si terrà il giorno seguente, durante la quale, dopo i saluti istituzionali delle autorità e l'intervento conclusivo della coordinatrice della Consulta nazionale giovani Fratres, Valeria Turelli, un corteo sfilerà verso la locale Parrocchia "San Giovanni Battista" per partecipare alla Santa Messa.
«Questo secondo Meeting dopo il successo del primo tenutosi l'anno scorso ad Oste di Montemurlo (PO), incentrato sulla comunicazione, oltre che ad aggregare i nostri giovani volontari provenienti dalle varie regioni italiane, si prefigge di realizzare una formazione moderna, coinvolgente e partecipata che trasmetta le necessarie nozioni per favorire il rispetto delle regole associative ed incrementare così il rendimento e la produttività del lavoro di squadra che un'Associazione ha insito nei propri principi ispiratori», dichiara con soddisfazione il presidente nazionale Fratres, Luigi Cardini. «Siamo sicuri che i nostri giovani siano anche il futuro della classe dirigente della Fratres ed i temi trattati in questa due giorni qualificheranno la loro azione dando ulteriori impulsi alla diffusione della cultura del dono come impegno civico e di solidarietà  verso coloro che attendono quotidianamente questo insostituibile gesto per ricevere le cure e tornare alla vita normale».

«Oggi più che mai c'è bisogno di coinvolgere i giovani facendo loro comprendere come la donazione del sangue sia, oltre che un gesto necessario, anche un segno di responsabilità verso il prossimo il sangue ed i suoi componenti rappresentano infatti una risorsa indispensabile per la cura degli ammalati e ognuno ha il dovere di contribuire affinché questo bene prezioso sia sempre disponibile in tutte le strutture sanitarie del Paese», dichiara Valeria Turelli, Coordinatrice Nazionale Giovani Fratres «Ogni giorno infatti in Italia circa 1.800 pazienti hanno bisogno di trasfusioni, per un totale di quasi 9.800 unità di sangue. Noi giovani, per qualificare la nostra azione, abbiamo bisogno di arricchire il nostro bagaglio associativo con l'esperienza di chi è da più tempo di noi nel mondo del Volontariato Associazionistico. Imparare da buoni maestri le nozioni che poi svilupperemo aggiungendoci del nostro per contribuire con maggior consapevolezza alla mission della Fratres»

«Il percorso che abbiamo iniziato l'anno scorso arriva alla sua seconda tappa»  proclama con particolare entusiasmo il Consigliere Nazionale Fratres incaricato ai rapporti con la Consulta Nazionale Giovani Fratres, Giancarlo Bozzi.«I Giovani Fratres si ritrovano in un vero e proprio Campus del Volontariato Associazionistico: da un lato la loro appassionata voglia di fare, mettendosi al servizio della Fratres, dall'altro l'opportunità di acquisire nozioni derivanti da chi ha più esperienza e vuole metterla a loro disposizione. Una staffetta della solidarietà dove chi ha percorso più strada viene affiancato da chi ne ha fatta meno per un ideale "passaggio del testimone" finalizzato a non interrompere ciò che conta più di tutto: la corsa della Fratres a favore del prossimo bisognoso. E per essere sicuri che questa "FormAzione" sia davvero proficua l'abbiamo resa "InterAttiva" attraverso il Laboratorio "PraticaMente in FormAzione", che si terrà il sabato pomeriggio, nel quale, grazie a strumenti di rilevazione del grado di apprendimento, saranno anche affrontate le principali criticità emerse in una partecipata esemplificazione dei percorsi associativi».

In allegato il manifesto con il programma