Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Comitato editoriale Lav

Aperte le iscrizioni a Vegâteau, contest di pasticceria 100% vegetale

Nuova edizione del concorso dedicato a pasticceri e pasticcere professionisti che quest’anno coinvolgerà tutta la Lombardia e che è organizzato da Lav con il supporto di Funny Veg. Tra gli obiettivi diffondere l’alimentazione vegetale e promuovere il cambiamento dell’attuale sistema alimentare. Iscrizioni entro il 31 marzo, premiazioni a Bergamo il 5 maggio

di Redazione

Aperte le iscrizioni a Vegâteau 2024, il concorso dedicato a pasticceri e pasticcere professionisti della regione Lombardia, per eleggere il miglior dolce dell’anno totalmente plant-based. Una competizione che fonde in sé tradizione e innovazione, aprendo una finestra sul futuro della cucina italiana, creata e promossa da Lav, con il supporto di Funny Veg, e patrocinata dai Consorzi lombardi dei Pasticceri di Bergamo e Brescia e dalla città di Bergamo.  

L’edizione 2024 si terrà a Bergamo il prossimo 5 maggio e sarà possibile candidarsi sul sito di vegateau.it fino al 31 marzo. Unico requisito: utilizzare solo ingredienti vegetali. 

«La domanda di dolci 100% vegetali è forte: la registriamo dalle richieste che ci fanno i locali, che chiamano per avere segnalazioni di esperti del settore» afferma Sonia Giuliodori, direttrice di FunnyVeg Academy «speriamo che Vegâteau possa essere uno stimolo per spronare un vero e proprio cambiamento del sistema alimentare». 

Obiettivo del contest

L’obiettivo del contest, infatti, è quello di accendere i riflettori sui pasticceri più abili con gli ingredienti plant-based per supportare la diffusione dell’alimentazione vegetale come un nuovo tipo di cultura gastronomica, che tiene al centro tutela dell’ambiente e il rispetto degli animali.  

Il contest – sottolinea una nota – si pone in linea con l’impegno di Lav affinché le istituzioni agiscano per implementare la transizione alimentare, per passare da un sistema centrato sullo sfruttamento animale ad uno in cui i cibi plant-based siano la colonna portante, con benefici oltre che per gli animali anche per il pianeta e la salute pubblica. 

«Le tradizioni migliori sono quelle che si rinnovano e stanno al passo con i tempi, oggi più che mai i motivi per incentivare la cucina vegetale sono tantissimi: in primis fattori etici, relativi alle condizioni di grave sfruttamento degli animali negli allevamenti, ma anche motivazioni climatiche e di salute, che fortunatamente sono sempre più sentite dalle persone», dichiara Donato Ceci, di Lav Bergamo.

Il concorso 

Dopo essersi iscritti, pasticceri e pasticcere saranno supportati nella creazione del proprio dolce grazie un webinar gratuito sulle basi della cucina vegetale, erogato a fine febbraio da FunnyVeg Academy, al quale saranno presenti chef formatori della scuola di cucina meneghina. Sarà poi una giuria specializzata, in cui spiccherà anche un professionista della Joia Accademy fondata dallo chef Pietro Leemann, che valuterà i dolci fino a eleggere i migliori, nella giornata di premiazione al Daste di Bergamo il 5 maggio

Novità dell’edizione di quest’anno è che anche il pubblico assaggiatore potrà esprimersi sui dolci concorrenti, grazie alla creazione di una giuria popolare. 
Sponsor dell’evento – ricorda la nota – sono KitchenAid, Hopplà di Trevalli Cooperlat, Metti un Fiore de L’insalata dell’orto, Fritturista de L’Oleificio Zucchi; i media partner sono testate di settore, quali che Gambero Rosso, Italia a Tavola, Pasticceria Internazionale, Alimenti funzionali e Ambasciatori Pasticceri dell’Eccellenza Italiana.

In apertura photo by Ruth Georgiev on Unsplash