Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Comitato editoriale

Le confraternite si preparano al Giubileo

L’assemblea nazionale della Confederazione delle Misericordie d’Italia, in programma sabato 30 maggio a Roma, è anche l’occasione per parlare dell'Anno Straordinario indetto da papa Francesco

di Redazione

È tutto pronto per l’annuale Assemblea Nazionale delle Misericordie d’Italia che si terrà a Roma sabato 30 maggio all’Hotel Divino Amore sull’Ardeatina a pochi chilometri dalla capitale. Ad aprire i lavori sarà la relazione del presidente nazionale Roberto Trucchi, seguita da quelle dei singoli settori a cura dei delegati e dall’illustrazione del bilancio consuntivo 2014 e preventivo. Nel pomeriggio Don Carmine Arice (direttore dell’ufficio pastorale della salute della Cei) parlerà sul tema “Giubileo della Misericordia”.

La Confederazione delle Misericordie d’Italia è stata infatti invitata a preparare il prossimo Giubileo e prenderà parte alla riunione preliminare del 9 giugno presso la sede del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, presieduto da monsignor Rino Fisichella, per iniziare ad analizzare le questioni legate all’organizzazione del Giubileo degli operatori e dei volontari della misericordia che si terrà il 4 settembre 2016.

«Siamo onorati di poter prendere parte all’organizzazione di un evento tanto importante», ha affermato Roberto Trucchi, presidente della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia. «Quello della “misericordia” è un tema su cui il Santo Padre ha insistito fin dal primo giorno del suo pontificato. Per due anni il Papa ha preparato il terreno a questo Giubileo, e noi tutti gliene siamo profondamente grati; ma siamo d’altra parte anche consci dell’importante significato di questo Anno Straordinario e dell’impegno che ci chiama a svolgere.

 L’invito ai confratelli e alle consorelle è quello di far proprio lo spirito di questo Giubileo e soprattutto metterlo in pratica ogni giorno. La Confederazione stessa ha iniziato un percorso di avvicinamento a questo Anno Santo, dando alle stampe la Bolla di Indizione del Giubileo che dal 30 maggio sarà diffusa nelle associazioni di tutta Italia come fondamentale spunto di riflessione».

La Confederazione delle Misericordie d’Italia riunisce oggi oltre 700 confraternite, alle quali aderiscono circa 670mila iscritti, dei quali oltre 100mila sono impegnati permanentemente in opere di carità (i confratelli cosiddetti “attivi”). Sono diffuse in tutta la penisola e la loro azione è diretta, da sempre, a soccorrere chi si trova nel bisogno e nella sofferenza, con ogni forma di aiuto possibile, sia materiale che morale.