Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Comitato editoriale Sacra Famiglia

Tito&Sibilla vince il Premio Sorriso di Rai Cinema

La webserie "Tito&Sibilla-Gli insoliti sospetti", realizzata da Sacra Famiglia con attori disabili, ha vinto il premio Sorriso Rai Cinema Channel al Festival Internazionale della Cinematografia Sociale Tulipani di Seta Nera

di Redazione

La webserie Tito&Sibilla-Gli insoliti sospetti, realizzata da Sacra Famiglia con attori disabili, ha vinto il premio Sorriso Rai Cinema Channel al Festival Internazionale della Cinematografia Sociale Tulipani di Seta Nera, realizzato con Rai Cinema e Rai per la Sostenibilità. La premiazione si è svolta domenica 12 maggio a Roma. 

Il Festival Tulipani di Seta Nera è dedicato a promuovere opere audiovisive che pongono l’accento sui temi della sostenibilità e della diversità e in questa edizione ha visto la partecipazione di 114 opere scelte (tra oltre 400 candidate). All’interno del Festival il pubblico può partecipare attivamente visualizzando e votando la propria opera preferita: il Premio Sorriso Rai Cinema Channel infatti viene attribuito, sezione per sezione, all’opera che ha ottenuto il maggior numero di visualizzazioni. Quest’anno, la vincitrice per la sezione Digital Serie è proprio Tito&Sibilla, la serie di Sacra Famiglia.

Tito e Sibilla sono una coppia di investigatori, intervenuti per risolvere un intricato caso verificatosi nella sede di Sacra Famiglia a Cocquio Trevisago (VA): al giovane Omar, promessa del calcio e super tifoso juventino, è stato sottratto un pallone autografato da Dybala. La webserie ovviamente non è solo un’opera video, ma anche un progetto dal grande valore terapeutico ed educativo che ha portato un gruppo di 20 disabili residenti presso la struttura di Cocquio Trevisago (VA) a scrivere, recitare, costruire scenografie e costumi.

Foto da ufficio stampa Fondazione Sacra Famiglia