Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Economia & Impresa sociale 

Il raddoppio delle B Corp italiane

L’Italia conferma il primato europeo per numero di aziende, il doppio rispetto al 2016, che hanno raggiunto il prestigioso riconoscimento conferito da B Lab. A Milano un incontro ha celebrato le “Best for Italy 2017”

di Redazione

I primati vanno festeggiati ed è quello che ha fatto la comunità italiana delle B Corp che si è riunita ieri, giovedì 23 novembre a Milano. L’Italia, infatti, ha raggiunto nel corso del 2017 il primato europeo per il numero di aziende che hanno superato il processo di certificazione internazionale più severo del business. Sono solo 2.337 le aziende che, su oltre 70mila in 60 Paesi, hanno superato il traguardo, di questo 80 sono italiane

Secondo l’Università di Harvard è questo il modello di impresa necessario per creare un futuro prospero e che abbia la forza di trasformare il corso del capitalismo: le B Corp, come riassume il Nobel per l’economia Robert Shiller, uno dei più autorevoli sostenitori del movimento, sono infatti, imprese a doppia finalità, che hanno cioè deciso volontariamente di perseguire, al pari del profitto, un’ulteriore finalità: ottenere nell’esercizio dell’attività economica un impatto positivo sulla società e sul pianeta, per contribuire a vincere le più importanti sfide del secolo.

Il modello è nato negli Stati Uniti nel 2006 e si è rapidamente sviluppato in tutto il mondo. L’Italia è presto diventata anche terreno di innovazione ulteriore sul tema, quando a gennaio 2016 è diventato il primo Stato al mondo, al di fuori degli Usa, a introdurre nel proprio ordinamento anche una forma specifica per riconoscerle e promuoverle: la Società Benefit. In questi mesi si sono trasformate in Società Benefit più di 200 aziende italiane. «L’Impatto positivo creato è la nuova misura del successo per un’azienda», ha commentato Marcello Palazzi, Global Ambassador delle B Corp (nella foto). «Le 2.300 B Corp di 60 Paesi, dimostrano che un nuovo modo di fare impresa a beneficio delle persone e del pianeta è assolutamente possibile».

All’incontro “B Corp Italia 2017” organizzato da Nativa (prima B Corp italiana e una delle aziende fondatrici del movimento in Europa), hanno partecipato i rappresentanti delle 80 aziende italiane ed esponenti del movimento internazionale.

Evento nell’evento, la premiazione delle Best For Italy 2017, le B Corp che si sono contraddistinte nel 2017 per particolari meriti e azioni in termini di Impatto e Interdipendenza, valori chiave dell’intero movimento. Le aziende attraverso i propri prodotti, servizi, pratiche e profitti possono ambire a creare beneficio per tutti riconoscendo che siamo dipendenti gli uni dagli altri e quindi responsabili gli uni verso gli altri e verso le generazioni future.

A essere premiate sono state: Little Genius International SB, InVento Innovation Lab, WAMI SB, DLM Partners, Salcheto, Damiano SB, PerMicro, Goodpoint, Fratelli Carli, Pasticceria Filippi SB, Antica Erboristeria SB, Mondora SB, Davines e Goldmann & Partners.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA