Cooperazione & Relazioni internazionali

In vendita per i rifugiati la foto-simbolo degli sbarchi

Con questa foto Massimo Sestini nel 2015 ha vinto il World Press Photo. Ora è fra le 45 foto della mostra #WithRefugees – Fotografi per i rifugiati, aperta a Milano dal 30 marzo al 1 aprile 2017. Cinque fotografi offrono i loro scatti per sostenere i programmi di emergenza dell’UNHCR

di Redazione

Dal 30 marzo al 1 aprile 2017, lo Spazio Big Santa Marta di Milano (via Santa Marta 10) presenta la mostra #WithRefugees – Fotografi per i rifugiati, organizzata dall'UNHCR in collaborazione con il MIA Photo Fair. La mostra raccoglie 45 scatti di cinque grandi fotografi accomunati dalla loro sensibilità verso la causa dei rifugiati: Yuri Catania e la sua street photography, Franco Pagetti, noto per i suoi reportage di guerra, Pierre André Podbielski e le sue suggestive foto di viaggio, Massimo Sestini, Vincitore del World Press Photo del 2015 con il suo Mare Nostrum e Paolo Solari Bozzi e la sua documentazione naturalistica.

Il pubblico potrà acquistare le fotografie e i proventi serviranno a sostenere i programmi di emergenza dell’UNHCR. «Siamo grati agli organizzatori del MIA Photo Fair e ai fotografi per aver dato vita insieme a noi a questo progetto», commenta Carlotta Sami, Portavoce per il Sud Europa dell’UNHCR. «Una foto oggi puo’ avere un impatto molto forte nel facilitare una reale comprensione di eventi gravi come la guerra e la fuga forzata di milioni di esseri umani. Pur essendo sotto ai nostri occhi quotidianamente, queste tragedie spesso faticano a conquistare l’attenzione che meriterebbero. Per questo crediamo molto nella fotografia come mezzo per raccontare la attuale crisi dei rifugiati e per incitare tutti a stare dalla loro parte».

Le foto dell'articolo sono di M. Sestini e F. Pagetti.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA