Transizione ecologica

Sostenibilità, da Bei e Cdp 200 milioni per la pubblica amministrazione

23 Gennaio Gen 2023 1708 23 gennaio 2023

È la prima operazione in Europa a favore di investimenti green per gli enti locali italiani. I finanziamenti ottenuti godranno di tassi competitivi e accessibili, ampliando il numero di potenziali beneficiari. L'operazione permetterà di sostenere anche quelle pubbliche amministrazioni che non si avvalgono dell’accesso diretto ai finanziamenti della Banca dell’Ue

  • ...
Cdp
  • ...

È la prima operazione in Europa a favore di investimenti green per gli enti locali italiani. I finanziamenti ottenuti godranno di tassi competitivi e accessibili, ampliando il numero di potenziali beneficiari. L'operazione permetterà di sostenere anche quelle pubbliche amministrazioni che non si avvalgono dell’accesso diretto ai finanziamenti della Banca dell’Ue

Stimolare gli investimenti di enti locali e pubblici su tutto il territorio nazionale. Accelerare la transizione ecologica con progetti volti a promuovere la mobilità sostenibile e l’efficienza energetica negli edifici, salvaguardando, per quanto possibile, l’ambiente da futuri shock climatici. Questo è l’obiettivo del nuovo accordo da 200 milioni di euro siglato da Bei, Banca europea per gli investimenti e Cassa depositi e prestiti. Si tratta della prima operazione fra le due istituzioni interamente dedicata agli investimenti green del settore pubblico.

L’intesa porterà all'utilizzo di 100 milioni di euro ciascuno nel 2023, a vantaggio delle amministrazioni pubbliche, in particolare di quelle locali, che potranno usufruire di tassi più accessibili. Beneficiando delle vantaggiose condizioni di raccolta di BEI sui mercati internazionali in termini di tassi di interesse, Cdp svilupperà un prodotto finanziario interamente dedicato agli investimenti green, che consentirà di trasferire il vantaggio Bei ai beneficiari finali, garantendo un sensibile risparmio economico per gli Enti che intendono investire in infrastrutture sostenibili.

L'operazione consentirà così di raggiungere un numero significativo di pubbliche amministrazioni in Italia, incluse quelle che tradizionalmente non si avvalgono dell’accesso diretto ai finanziamenti della Banca dell’Ue, con un duplice beneficio: stimolare l’economia locale e il raggiungimento degli obiettivi del PNNR legati al Green deal europeo.

L’accordo siglato con Bei conferma la fruttuosa collaborazione tra le due Istituzioni nel saper creare opportunità di sviluppo per l’Italia sfruttando l’accesso a risorse europee”, ha dichiarato Massimo Di Carlo, direttore business Cdp (nella foto). “I fondi messi a disposizione rappresentano uno stimolo importante per permettere agli enti locali di accelerare la transizione ecologica, così come previsto anche dal Pnrr, con investimenti vantaggiosi che avranno un impatto significativo sul territorio e sulle comunità”.

La linea di credito è infatti rivolta, tra gli altri, a progetti green nell’ambito dell’edilizia scolastica e pubblica, della mobilità ciclistica, delle energie rinnovabili, del rimboschimento, smaltimento rifiuti e automezzi pubblici.

CDP, grazie alla sua esperienza e capillarità sul territorio, è il nostro partner principale per sostenere la transizione ecologica in Italia. Questa operazione farà da apripista per promuovere ulteriori collaborazioni fra le due Istituzioni a sostegno degli investimenti green realizzati dal settore pubblico in Italia”, ha sottolineato Gilles Badot, direttore Bei per le operazioni finanziare in Italia. “In quanto banca del clima dell’Unione europea, la Bei ha come obiettivo di attivare oltre mille miliardi di euro in investimenti green entro il 2030, sostenendo così il programma RepowerEU e il Green deal europeo”.

Contenuti correlati