Pubblicità

Terzo settore

La Conferenza nazionale enti Servizio civile con l’iscrizione al Runts diventa ente di Terzo settore

«Un passaggio importante», così la definisce Laura Milani, presidente della Cnesc. Si tratta, infatti del riconoscimento del suo contributo al sistema del Terzo settore. L’ingresso nel Registro è il risultato concreto del percorso di modifiche statutarie intrapreso nel solco della Riforma del Servizio civile universale

di Redazione

La Cnesc si è iscritta al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore – Runts e assume la qualifica di Ente di Terzo settore- Ets. Questo il risultato concreto del percorso di modifiche statutarie intrapreso nel solco della riforma del Terzo Settore, all’interno della quale si colloca anche quella del Servizio Civile Universale proprio in virtù dei valori di cittadinanza, prossimità, interesse generale che pervadono questo essenziale istituto della Repubblica.

«Un passaggio importante non solo per la Conferenza e per gli Enti che ne fanno parte» dichiara la presidente Cnesc Laura Milani, «ma per l’intero sistema del Terzo settore e del servizio civile, riconoscendo all’impegno della Cnesc sui temi del servizio civile, della cultura della pace, della nonviolenza, il valore di attività di interesse generale che va a beneficio dell’intera comunità».

Milani conclude: «L’assunzione della qualifica di Ets da parte della Cnesc con contestuale ottenimento della personalità giuridica rappresenta il naturale sbocco identitario della storia della Conferenza, costituita nel lontano 1988, riconosce il valore del modello democratico e partecipativo che da sempre ne caratterizza la governance, potenzia la dimensione di trasparenza e l’assetto organizzativo, consolida e qualifica ulteriormente la sua valenza strategica come soggetto di raccordo tra i cittadini, la comunità, le istituzioni, valorizzandone la naturale funzione di prossimità e partecipazione civica».


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA