Media, Arte, Cultura

La musica come ponte di pace

Ciclo di concerti del quartetto della scuola "Il Violinista" (Al Kamandjati) di Ramallah

di Redazione

Terre des Hommes e la scuola di musica Al Kamandjati presentano un ciclo di concerti per creare un ponte di pace tra Palestina, Italia e Francia

Il ciclo di concerti del quartetto della scuola “Il Violinista” (Al Kamandjati) di Ramallah, frutto del progetto di Terre des Hommes “La Musica unisce Cisgiordania, Italia e Francia” che da tre anni coinvolge migliaia di bambini dei campi profughi per offrire loro uno strumento universale per esprimere la loro creatività, inizierà mercoledì 7 marzo a Roma. All’organizzazione dei concerti hanno collaborato la Scuola di Musica Popolare del Testaccio di Roma, la Scuola di Musica il Trillo di Firenze e l’Associazione e Accademia Musicale A. Vivaldi di Brescia.

Il quartetto è composto dai musicisti Ramzi Aburedwan (viola e bozouq), Ibrahim Al Frookh (percussioni), Ziad Ben Youssef (oud) e Munther Alraeel (voce), che si esibiranno in una singolare performance che con suoni, ritmi, armonie e sonorità abbatterà tutte le barriere che esistono fra le diverse etnie.

 Il progetto, realizzato con il supporto dell’Unione Europea, promuove anche lo scambio culturale tra Francia, Italia e Palestina con la creazione di una rete di scuole musicali per mettere in circolo la creatività, invitando alla partecipazione, alla costruzione della propria identità, superando la diversità linguistica, culturale o religiosa.

 Queste le date dei prossimi concerti: 

Roma: mercoledì 7 marzo, alle 22,00 presso il Baffo della Gioconda, via degli Aurunci 40

 Firenze: venerdì 9 marzo alle 19.00 alla Chiesa di S. Maria Maddalena dè Pazzi, Borgo Pinti 58

 Carpenedolo (Brescia): domenica 11 marzo, alle 20.45 presso la sala polivalente di Palazzo Laffranchi, Piazza Martiri della Libertà 1.

 


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA