Attivismo civico & Terzo settore

L’assicurazione è fallita? Il liquidatore paga i danni

Consumatori Vittime della strada, la Consap dice a chi rivolgersi

di Rosanna Schirer

Sono rimasto a dir poco senza parole, quando – in seguito a un incidente stradale – ho scoperto che la compagnia di assicurazione della persona responsabile del danno alla mia autovettura era in fallimento. Mi trovo ora nella condizione di non sapere se e neppure quando avrò il risarcimento che, a quanto risulta dalla dinamica dell’incidente, mi spetta. C.S. (Bn)(E:mail) Proprio come lei dice nella sua lettera vi possono essere situazioni in cui non si sa a chi rivolgersi per chiedere il risarcimento dei danni provocati dalla circolazione dei veicoli. Di norma, infatti, essendo l’assicurazione obbligatoria (Rc auto), la prassi vuole che si faccia domanda al responsabile che ha causato il danno e alla sua compagnia di assicurazione. Ma cosa succede, se, proprio come è successo a lei, la compagnia è in fallimento (caso tutt’altro che infrequente), o peggio ancora se non si conosce il responsabile (può capitare ad esempio anche che scappi), o ancora, quando il responsabile non ha provveduto ad assicurarsi? La stessa legge che ha previsto l’Rc auto, ha provveduto a istituire anche un apposito “Fondo di Garanzia per le vittime della strada” (artt. 19 e segg. L. 24 Dicembre 1969, n. 990), finalizzato a coprire, appunto, i danni di chi, come può capitare nei casi accennati, non trova tutela assicurativa. Per maggiore chiarezza va detto che il Fondo è gestito dalla Consap (Concessionaria servizi assicurativi pubblici Spa, via Paesiello, 33 – 00198 Roma, tel. 06.857961), a cui ci si può rivolgere per sapere quali sono le compagnie d’assicurazione designate per regione o per gruppi di regioni a provvedere alla liquidazione del danno. Ad esempio, in Lombardia, chi è stato investito da un pirata della strada oppure da una persona sprovvista di assicurazione, potrà chiedere il risarcimento direttamente alle Generali. Se invece, come nel caso che ci descrive nella sua lettera, si tratta di una compagnia assicuratrice in situazione di fallimento, la stessa domanda andrà presentata al commissario liquidatore nominato dal tribunale. Questi pagherà i danneggiati con gli stessi soldi del Fondo di garanzia suddetto.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA