Welfare & Lavoro

Migranti, la risorsa che l’Italia non vuole vedere

Il Governo considera l’immigrazione un’emergenza da tamponare, invece è una risorsa. Ne abbiamo parlato sul canale Instagram di VITA con Chris Richmond Nzi, fondatore della startup Mygrants che attraverso il microlearning fa emergere le competenze di migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Sono oltre 600mila gli utenti unici e ogni mese sono 70 gli inserimenti lavorativi attivati

di Anna Spena

«Se Abdulfattah ‘John’ al-Jandali non fosse fuggito dalla Siria per trovare migliori opportunità, oggi l’iPhone non esisterebbe. Noi migranti costituiamo il 3,5% della popolazione ma generano il 10% del prodotto interno lordo mondiale», si legge alla voce “chi siamo” del sito di Mygrants, una startup fondata nel 2017 Chris Richmond Nzi, insieme alla compagna Aisha Coulibaly. Il Governo considera l’immigrazione un’emergenza da tamponare, invece è una risorsa e infatti la piattaforma attraverso il microlearning fa emergere le competenze di migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Oltre 600mila utenti unici attivi e ogni mese sono 70 gli inserimenti lavorativi.

Qui per rivedere la diretta

Mygrants non fa matching fra domanda e offerta di lavoro, il suo cuore è il microlearning: «Eroghiamo contenuti su sei verticali dall’ht developers alle pulizie, dall’HoReCa alla meccanica e tre si aggiungeranno a breve. Il nostro microlearning è basato su ciò che il mercato del lavoro chiede e ci permette di individuare nuovi servizi da mettere a disposizione»


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA