Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Pronto il centro polifunzionale di San Possidonio

Il 25 maggio, un anno dopo il terremoto dell'Emilia, verrà inaugurato il nuovo centro polifunzionale donato al Comune di San Possidonio

di Redazione

Un anno dopo il terremoto, il nuovo Centro ricreativo polifunzionale di San Possidonio è pronto per accogliere i giochi di bambini e ragazzi. Lo ha donato la Fondazione “aiutare i bambini” al Comune di San Possidonio, in un progetto nato all’indomani del terremoto che nel maggio scorso colpì l’Emilia Romagna. La struttura prefabbricata è integrata nel Polo didattico costruito ex novo dopo il sisma, che ospita i bambini dal nido alle scuole medie: «la nostra struttura verrà utilizzata principalmente come palestra dalle scuole, ma accoglierà anche in parte le attività didattiche del nido, che ha spazi più piccoli, e varie attività extrascolastiche, dal doposcuola alle proposte ludiche e ricreative», spiega Alberto Barenghi, responsabile progetti Italia di “aiutare i bambini”. In seconda battuta, la struttura farà anche da “sala della comunità”. La struttura antisismica, di 150 mq, costerà 180mila euro: realizzata secondo gli standard più evoluti di risparmio energetico, è «un prefabbricato sì, ma ha una durata illimitata», sottolinea Barenghi.

L’inaugirazione della struttura sarà sabato 25 maggio  alle ore 11, con la partecipazione straordinaria di Flavio Insinna e delle Scuole d’Infanzia, Elementari e Medie di San Possidonio. All’evento saranno presenti i rappresentanti del Comune di San Possidonio, della Fondazione “aiutare i bambini”, dei Comuni aderenti alla rete “Brianza del cuore”, Palma Costi – Presidente del Consiglio regionale dell'Emilia Romagna e altre autorità locali di Provincia di Modena e Regione Emilia Romagna. Metà dei fondi necessari per realizzare la struttura sono arrivati da un gruppo di Comuni della Brianza, capitanati dal sindaco di Costa Masnaga (LC) e riuniti sotto la sigla “Brianza del Cuore”.
 


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA