Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Reggio, il Comune rettifica. Anffas: «Ora intervenga il ministro Carrozza»

Anffas onlus prende atto della rettifica fatta nella giornata di mercoledì 22 gennaio dal Comune di Reggio Calabria, ma la giudica insufficiente e chiede l'intervento del ministro Carrozza per garantire il diritto alla scuola dei bambini con disabilità

di Antonietta Nembri

Insufficiente. così Anffas giudica la comunicazione del Comune di Reggio Calabria. In una nota, infatti, l'Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, sottolinea la presa d'atto «della rettifica relativa all’avviso concernente le Scuole dell’Infanzia – che impediva di fatto  l’iscrizione dei bambini con disabilità per l’A.A. 2014/2015 – emessa in giornata dal Comune di Reggio Calabria». Anffas rileva anche che, «probabilmente» la rettifica è giunta  «anche a seguito delle tante proteste di queste ultime ore». Tuttavia per l'associazione, come precisa la nota di Anffas Onlus la comunicazione «risulta comunque insufficiente per la tutela dei diritti dei bambini con disabilità e delle loro famiglie quanto precisato dall’amministrazione».

Scrive Anffas «è sicuramente compito dell’Ente Locale predisporre un provvedimento che, nel complesso, non violi i criteri per superare il controllo della Commissione per la Stabilità Finanziaria degli enti locali ai sensi dell’art. 243 del D.lgs. 267/2000 (richiamato dalla rettifica del Comune), ma questo non può determinare la dichiarata giustificazione per l’eventuale parere negativo all’assunzione di ulteriore personale e quindi all’eventuale mancata accettazione, tout court, di alunni con disabilità».

Dopo la presa d'atto il pensiero di Anffas arriva diretto: «Il Comune, invece di spiegare il proprio operato con linguaggio burocratico e ragionieristico, del tutto aleatorio per i destinatari finali, si deve attivare immediatamente a predisporre tutte le azioni utili ad assicurare in pieno e senza condizionamenti economici, il diritto costituzionalmente garantito della frequenza scolastica dei bambini con disabilità della città di Reggio Calabria». Insomma, va bene la rettifica, ma dalle parole si passi ai fatti o meglio alle azioni per garantire ai bambini con disabilità di poter accedere alla scuola materna
 
La nota dell'Anffas si chiude con un appello alla titolare del Miur; l’associazione, infatti, richiede «l’immediato intervento del ministro Carrozza per trovare una rapida soluzione alla questione».


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA