Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Media, Arte, Cultura

Uranio: malato altro militare che lavorava in poligoni

Il giovane, un calabrese di 24 anni, aveva operato nelle basi sarde

di Gabriella Meroni

Un militare che ha operato nei poligoni di Teulada e Salto di Quirra nel 1999, dove fanno addestramento forze armate straniere che impiegano armi all’uranio impoverito, e’ risultato affetto da un tumore. Ne da’ notizia Falco Accame, presidente dell’Associazione nazionale assistenza alle vittime delle Forze Armate, affermando che F.C. , classe 1977 e residente a Lametia Terme, ”e’ stato operato ed ora e’ in discrete condizioni di salute”. ”Non sappiamo se questo militare e’ stato incluso nelle liste del prof. Mandelli , di cui da tempo si aspetta la nuova relazione -afferma Accame- Un fatto assai grave intanto, e’ che a questi militari non venga riconosciuta la causa di servizio. Si viene inoltre a sapere solo casualmente dei casi che invece dovrebbero essere segnalati dal Ministro della Difesa. E va tenuto anche presente che un lotto di armi all’uranio venne acquistato dall’Italia da Israele e non e’ ancora chiarito dove e’ depositato e se ne sono stati fatti uso di tipo sperimentale nei nostri poligoni”.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA