Bandi

Turismo: al Sud un tesoretto di risorse per lo sviluppo di 11 imprese sociali nel Mezzogiorno

Oltre mezzo milione di euro per i programmi di sviluppo selezionati con il bando per le imprese turistiche al Sud lanciato da Fondazione Finanza Etica e Fondazione Con il Sud, supportato da Etica Sgr. Un esito positivo e un intervento concreto che valorizzano il territorio e promuovono l’impresa sociale in ambito turistico, generando impatto positivo sul tessuto economico e sulle comunità locali

di Redazione

11 imprese sociali in ambito turistico del Sud Italia saranno sostenute complessivamente con 545 mila euro. Questi gli esiti del bando promosso da Fondazione Finanza Etica e Fondazione Con il Sud, per la valorizzazione del territorio e la promozione dell’impresa sociale in ambito turistico.

Il contributo di Fondazione Finanza Etica deriva dall’erogazione liberale di Etica Sgr, società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Etica, che ha destinato una quota del suo fondo utili al sostegno di attività imprenditoriali in Italia meridionale.

L’iniziativa rappresenta un segnale positivo per il sostegno di imprese sociali che promuovono la crescita culturale e turistica dei territori del Mezzogiorno attraverso percorsi partecipati con le comunità locali.

«I risultati di questo bando testimoniano il potenziale della valorizzazione dei territori e dell’impresa sociale nel Sud Italia, dimostrando che è possibile un cambiamento positivo e sostenibile attraverso l’azione concreta», sottolinea Teresa Masciopinto, presidente di Fondazione Finanza Etica. «Siamo orgogliosi di continuare a supportare iniziative che promuovono l’inclusione sociale, l’innovazione e la valorizzazione del territorio».

«Sostenendo queste imprese puntiamo su una grande risorsa del nostro Sud, il turismo, come strumento di sviluppo e crescita dei territori, di integrazione lavorativa, di coesione sociale», sottolinea Stefano Consiglio, presidente della Fondazione Con il Sud.  «Lo facciamo lavorando insieme a organizzazioni che condividono i nostri obiettivi: unendo le forze incrementiamo le risorse per progetti di sviluppo, ma non solo. Da questa collaborazione nasce anche un’occasione di confronto per acquisire e approfondire competenze e nuovi approcci per affrontare al meglio le numerose sfide sociali del Sud Italia».

Tra nuovi programmi di sviluppo e attività già avviate, gli 11 beneficiari delle risorse economiche garantite dal bando sono distribuiti geograficamente su 5 regioni e 10 province meridionali: 4 in Campania (nelle province di Napoli, Caserta e Avellino), 3 in Sicilia (nelle province di Palermo, Agrigento e Messina), 2 in Puglia (nelle province di Lecce e Bari), 1 in Calabria (nella provincia di Cosenza) e Basilicata (provincia di Matera).

Le attività sostenute spaziano dalla valorizzazione sociale di aree che subiscono la presenza della malavita organizzata alla promozione di interventi mirati all’eco-sostenibilità del territorio, all’inclusione di giovani NEET (che non studiano, non lavorano e non sono in formazione), di donne che hanno subito violenza e di persone con disabilità di tipo fisico e/o cognitiva, anche attraverso il loro inserimento professionale. Saranno avviati un agricampeggio, un ostello artistico, servizi di ristorazione partecipata e cooking class, esperienze turistiche di contatto e conoscenza col mondo delle api – specie preziosissima nella tutela della biodiversità -, e saranno potenziati itinerari naturalistici, artistici, culturali e religiosi, anche con il coinvolgimento della comunità locale.

Tra le 11 imprese sociali selezionate, 2 sono cooperative di comunità e 6 sono cooperative sociali. Un elemento degno di nota è che il 53% della governance di queste imprese è rappresentato da donne e il 38% da giovani under 35, la metà dei quali con meno di 29 anni.

«Oggi più che mai è fondamentale generare impatti positivi per la comunità, che rendano il sistema economico più prospero e inclusivo», dichiara Luca Mattiazzi, direttore generale di Etica Sgr. «La nostra identità come società di gestione del risparmio impegnata nella finanza etica ci porta a operare concretamente nell’economia. Siamo quindi felici di sostenere progetti che mettano al centro le persone e l’ambiente per rafforzare il tessuto economico e culturale dei territori in cui si trovano».

I programmi di sviluppo sostenuti

Wonder WOW | Grottole, MT

Wonder Grottole Srl Impresa Sociale, nata nel 2018 nel contesto di un ambizioso percorso di rigenerazione per contrastare l’abbandono e lo spopolamento di Grottole, sta trasformando questo antico comune caratterizzato da un centro storico in gran parte disabitato. Nel 2020, il team ha dato vita a Wonder Bee, un innovativo apiario integrato sostenuto dalla community attraverso il crowdfunding e ideato da due designer in residenza a Grottole, in collaborazione con il pluripremiato apicoltore Rocco Filomeno. L’obiettivo ambizioso di Wonder Bee è trasformare Grottole in un “territorio delle api e del miele”, permettendo ai visitatori di immergersi nella vita delle api attraverso un suggestivo pernottamento all’interno dell’apiario. Oltre a questa esperienza avvincente, l’iniziativa prevede percorsi di degustazione del miele e propone percorsi esperienziali ed educativi rivolti alle scuole.

Prodotti atipici | Napoli

TRaM, cooperativa sociale con base a Napoli, si dedica al turismo sociale e responsabile: attraverso innovativi percorsi turistici e didattici, la cooperativa si impegna nella formazione su temi cruciali come rigenerazione urbana, memoria storica e la necessità di affrontare il fenomeno delle mafie. Il cuore pulsante di TRaM è il quartiere di Ponticelli, a Napoli, e la sua iniziativa mira a ridefinire l’immagine spesso negativa che accompagna la storia di questo luogo. La chiave per raggiungere questo obiettivo è la co-creazione di percorsi, attraverso il coinvolgimento attivo della comunità. Con laboratori dedicati alla narrazione, alla cucina e al design, TRaM sta trasformando la percezione del quartiere attraverso la partecipazione di almeno 50 giovani locali, dai 18 ai 25 anni. TRaM sta anche lavorando alla realizzazione di un forum dedicato al turismo scolastico, etico e responsabile, punto di incontro per le scuole e gli educatori interessati a un approccio consapevole al turismo.

SMART LIVING SMART WORKING. Museo diffuso di Sciacca | Sciacca AG

Il Museo Diffuso di Sciacca, fondato nel 2019 da cittadini e commercianti determinati a affrontare le sfide nella valorizzazione del centro storico, dà vita alla Cooperativa di Comunità Identità e Bellezza. Questa iniziativa innovativa si propone di trasformare il tessuto urbano di Sciacca, offrendo uno spazio in cui convergono cultura, storia e un approccio smart alla vita e al lavoro. L’iniziativa intende potenziare il Museo Diffuso come impresa di comunità. L’obiettivo è creare un ambiente favorevole allo sviluppo di destinazioni che siano attraenti per giovani expat, con una forte caratterizzazione locale ed esperienziale. Per raggiungere questo obiettivo, la cooperativa sta attivando azioni specifiche per potenziare le sinergie tra cultura e lavoro. Inoltre, il Museo Diffuso si propone di diventare un punto di riferimento per eventi culturali, networking e scambi internazionali.

TourAbility: turismo enogastronomico accessibile | Ariano Irpino AV

Bmore Eccellenze per il Sociale è una cooperativa sociale che lavora nel contesto agricolo e nella commercializzazione dei prodotti agroalimentari dell’Irpinia. Il suo impegno non si ferma al solo ambito economico, ma si estende a progetti che promuovono il territorio in modo inclusivo e sostenibile. Uno di questi progetti di spicco è il Campo Village, un’iniziativa volta alla valorizzazione dei borghi del Regio Tratturo. Campo Village è un ambizioso programma che mira a rendere i borghi accessibili a tutti, inclusi coloro con disabilità sensoriali, non vedenti e ipovedenti. Grazie a iniziative di turismo accessibile, l’iniziativa si propone di trasformare il modo in cui le persone con disabilità vivono e apprezzano la bellezza e la storia dei borghi irpini. Attraverso visite guidate, percorsi tattili e altre iniziative specifiche, l’iniziativa intende offrire un’esperienza autentica e inclusiva, dimostrando che l’accessibilità è fondamentale per una comunità accogliente e aperta a tutti.

Network creativi | San Salvatore di Fitalia ME

Incastri Creativi è un’Impresa Sociale che opera nella rigenerazione urbana e nell’aggregazione giovanile a San Salvatore di Fitalia, Messina. L’iniziativa si concentra sulla valorizzazione dell’offerta turistica e degli attrattori territoriali per promuovere uno sviluppo economico e una rigenerazione sociale e culturale, contrastando i processi di spopolamento. Inoltre, mirano a stimolare nuove imprenditorialità per rafforzare il tessuto economico e sociale del Comune. L’approccio di Incastri Creativi si basa sull’intreccio di creatività e impegno sociale, fungendo da connettore attraverso un network dinamico di risorse locali. La cooperativa promuove la partecipazione giovanile, incoraggiando idee innovative e sostenendo la crescita delle competenze locali. Sfida il declino demografico creando spazi per l’espressione e la crescita della comunità, dimostrando che la rigenerazione urbana può essere un catalizzatore per una rinascita dei territori.

Pollino-Sybaris Alle radici dell’esperienza | Sibari CS

Catasta, il primo hub turistico e culturale nel cuore del Parco Nazionale del Pollino a Sibari, è un’iniziativa gestita dalla cooperativa omonima, in collaborazione con l’Associazione delle Guide Ufficiali del Parco. L’iniziativa di Catasta non si limita alla creazione di un semplice centro di accoglienza, ma aspira a essere un motore di cambiamento sociale ed economico per la comunità locale. In particolare, si propone di offrire opportunità di formazione e lavoro, concentrandosi soprattutto su giovani e donne in cerca di prospettive. L’obiettivo è creare una rete di operatori turistici specializzati lungo i percorsi del Parco, con un’enfasi particolare sul cicloturismo.

Questa terra sarà bellissima | Monreale PA

NSitu è una cooperativa sociale nata grazie all’iniziativa dell’arcidiocesi di Monreale con l’obiettivo di formare un gruppo di giovani nel settore dell’accoglienza e della valorizzazione turistico-culturale a Corleone. Il cuore della proposta di NSitu è incentrato sul rafforzamento delle azioni di inclusione sociale per soggetti fragili, concentrando gli sforzi sulla valorizzazione del ricco patrimonio storico e culturale di Monreale. La cooperativa si impegna a offrire opportunità concrete attraverso la creazione di tre borse lavoro destinate a individui fragili, inclusi disabili e minori e adulti appartenenti al circuito penale.

Tavuliata | Ercolano NA

Variabile K, impresa sociale fondata nel 2022, si dedica alla rigenerazione urbana e alla partecipazione culturale nell’area di Ercolano e nel territorio vesuviano. L’obiettivo principale dell’iniziativa è la valorizzazione della città di Ercolano attraverso un’iniziativa di ristorazione partecipata, focalizzata sulla promozione dell’occupabilità femminile e sulla creazione di connessioni con i produttori locali. L’iniziativa prevede la formazione di cinque donne, che saranno coinvolte nella creazione e gestione di scuole di cucina nelle proprie abitazioni. L’iniziativa non solo punta a promuovere l’occupabilità femminile nella zona, ma mira anche a rafforzare i legami tra la comunità e i produttori locali.

Seminativo | Caiazzo CE

Radici è una nuova impresa sociale nata dall’esperienza di un’associazione composta da 9 persone impegnate in temi come la lotta allo spreco, la riduzione della povertà, la promozione delle pari opportunità e lo sviluppo sostenibile delle comunità. L’obiettivo di Radici è la creazione di un agricampeggio a Caiazzo, gestito secondo i principi della modalità “rifiuti zero”. Questa iniziativa non solo offre un’opportunità di svago e connessione con la natura, ma integra anche pratiche ecosostenibili per ridurre al minimo l’impatto ambientale. L’approccio “rifiuti zero” evidenzia l’impegno di Radici nella sostenibilità ambientale, dimostrando come sia possibile offrire servizi turistici e ricreativi senza compromettere l’ambiente circostante. Questo modello innovativo contribuisce anche a sensibilizzare gli ospiti sull’importanza della gestione sostenibile dei rifiuti e delle risorse.

Costruire Legàmi | Leverano LE

La Cooperativa di comunità di Leverano, composta da 150 soci, ha avviato nel 2020 Legàmi di quartiere. Questa iniziativa si propone di contrastare devianze giovanili e l’abbandono scolastico, prendendo in affidamento due locali in una zona periferica di Leverano. Attraverso Costruire Legàmi, la cooperativa mira a creare un modello di turismo sostenibile con una marcata impronta comunitaria. L’obiettivo principale è promuovere il turismo responsabile, coinvolgendo attivamente la comunità nella programmazione e gestione dello sviluppo turistico.

Poderi Forti | Gioia del Colle BA

Jazzile, cooperativa attiva nella Valle d’Itria, è parte della rete di impresa AMURE (Agricoltura della Murgia in Rete). In collaborazione con micro-produttori impegnati in progetti agroecologici sul vino, Jazzile conduce una mappatura del patrimonio di vigne storiche nelle aree delle DOC Primitivo di Gioia del Colle e Locorotondo. Con questa iniziativa Jazzile censirà da 25 a 35 produttori d’eccellenza, focalizzandosi soprattutto nel settore vitivinicolo. Per ciascun produttore, sarà individuato un itinerario outdoor nelle immediate vicinanze. Ciò non solo promuoverà la scoperta del territorio, ma contribuirà anche a valorizzare le produzioni locali e le tradizioni vitivinicole. In un’ottica di inclusione sociale, Jazzile si impegna a formare donne vittime di violenza per la progettazione e gestione degli itinerari e degli eventi correlati. Questa iniziativa non solo offre un’opportunità di formazione e lavoro a donne in una situazione vulnerabile, ma contribuisce anche a sensibilizzare la comunità sulla questione della violenza di genere.