Nora McKeon

Food governance: nutrire la forza delle comunità

13 Marzo Mar 2019 0704 13 marzo 2019
  • ...

L'80% del cibo che arriva sulle nostre tavole, spiega Nora McKeon, passa attraverso i mercati territoriali. Sono realtà comunitarie, nate in modo spontaneo grazie a piccoli produttori. I loro effetti sulle economie locali sono di lunga durata. In Italia vivono infatti di agricoltura almeno 3,5 milioni di persone e i piccoli produttori rappresentano il 71% del totale delle aziende agricole. Eppure, le politiche pubbliche a livello nazionale (e internazionale) privilegiano in modo schiacciante l’agricoltura industrializzata. Perché?

Cibo. Difficile immaginare una parola più multidimensionale di questa. L'80% del cibo che arriva sulle nostre tavole, spiega Nora McKeon nel suo ultimo libro Food governance. Dare autorità alle comunità, regolare le imprese, da poco pubblicato per Jaca Book, passa attraverso i mercati territoriali. Sono realtà comunitarie, nate in modo spontaneo grazie a piccoli produttori. I loro effetti sulle economie locali sono di lunga durata. In Italia, ci racconta McKeon, esperta in sistemi alimentari e governance globale del cibo, vivono infatti di agricoltura almeno 3,5 milioni di persone e i piccoli produttori rappresentano il 71% del totale delle aziende agricole. Eppure, le politiche pubbliche a livello nazionale (e internazionale) privilegiano in modo schiacciante l’agricoltura industrializzata.

Perché è tanto importante parlare di sicurezza alimentare e food governance in Italia, oggi?
Qualsiasi cuoco italiano competente (o osservatore di vulcani) sa che non si dovrebbe mai mettere un coperchio su una pentola di pasta che bolle. Eppure questo tipo di copertura è proprio quello che la comunità internazionale ha cercato di fare fdopo la crisi dei prezzi alimentari del 2007-2008. La narrazione è stata ritoccata per celebrare le virtù della piccola agricoltura contadina e riscoprire la nobiltà del cibo locale. L'Italia è il primo Paese al mondo a dedicare ai "contadini" un Paese delle meraviglie a tema tipo Disney.

È scettica?
Certamente, perché dietro questa facciata, tuttavia, le politiche e gli investimenti pubblici hanno continuato a sostenere lo stesso sistema alimentare guidato dalle multinazionali, il cui malfunzionamento ha scatenato rivolte alimentari nelle capitali di tutto il mondo un decennio fa. Negli ultimi due anni il rapporto autorevole sulla sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo (The State of Food Security and Nutrition in the World), pubblicato dalle agenzie ONU competenti (FAO, IFAD, PAM, OMS, UNICEF), ha registrato un aumento delle tendenze mondiali sia per quanto riguarda la fame (fino a 821 milioni di persone) che l'obesità (672 milioni di adulti), due prodotti speculari dello stesso regime di approvvigionamento alimentare pieno di crepe e criticità.

Food governance. Dare autonomia alle comunitò, regolamentare le imprese

trad. di G. Agnoloni, Jaca Book, 2019, pp. 369, euro 30

La sicurezza alimentare (food security) e la governance sono oggi al centro di molte questioni e processi politici cruciali, non sorprende perché il cibo è il bisogno umano più fondamentale, oltre che un diritto umano. Il governo italiano e l'UE cercano di tenere la migrazione a distanza, parlano di "aiutarli a tornare a casa in Africa". In realtà, però, utilizzano i fondi di cooperazione allo sviluppo per garantire gli investimenti delle imprese europee in modelli di produzione agricola industriale che espropriano i contadini africani, mentre gli accordi commerciali dell'UE con i paesi africani demoliscono la loro capacità di proteggere i produttori locali dalle esportazioni europee a basso costo e di bassa qualità come il famigerato concentrato di pomodoro "italiano".

La Politica Agricola Comune, che da decenni sostiene la monocoltura industriale su larga scala rispetto alla produzione alimentare sostenibile su piccola scala, è in fase di rinegoziazione ed è in corso una campagna per riorientarla verso una Politica Alimentare Comune con uno sguardo sistemico su tutte le dimensioni di quest'area fondamentale. Questo può accadere solo se i cittadini sono consapevoli dei problemi e si impegnano. Quale motivo migliore per parlare di sicurezza alimentare e governance con le elezioni europee a meno di tre mesi di distanza?

L'Expo 2015 è stata un'opportunità colta o un'occasione mancata per il nostro Paese?
L'Expo 2015 è stata un'opportunità colta con difficoltà all'ultimo momento, e poi drammaticamente sfruttata in modo improprio. L'Italia ha avuto la presidenza dell'UE nell'ultimo semestre del 2015, e i responsabili del programma di cooperazione allo sviluppo e del Ministero delle Politiche Agricole cercavano di promuovere un paradigma di sistemi alimentari volto a superare la tradizionale enfasi sulla produzione agricola senza preoccuparsi della dimensione economica, sociale, culturale e politica della sicurezza alimentare. L'Italia stessa sarebbe stata un'illustrazione esemplare di questo concetto, con la sua realtà di piccola agricoltura familiare multidimensionale e multidimensionale radicata nelle culture e nei mercati territoriali, e l'EXPO 2015 sarebbe stato un forum perfetto per darle visibilità.

La governance a tutti i livelli è oggi contagiata da un'epidemia di "multistakeholderismo", che permette a tutti gli attori di entrare nella stanza su un piede di parità, senza attenzione agli interessi perseguiti, alle responsabilità o agli squilibri di potere. Il risultato è quello di aprire la porta al controllo delle imprese e alla speculazione su quelli che dovrebbero essere beni pubblici, soffocando la voce delle comunità ed eliminando la responsabilità del governo

Nora McKeon

Sarebbe, ma cosa è accaduto a suo avviso?
La manifestazione ha invece messo in primo piamo l'immagine di potenti multinazionali come Coca Cola, McDonald's e Ferrero, eclissando la realtà dei produttori contadini che nutrono il mondo. La maggior parte dei padiglioni del Sud del mondo sono stati organizzati in gruppi di prodotti di base (di cui due esclusivamente orientati all'esportazione) piuttosto che fornire l'opportunità di confrontare come le diverse società stanno rispondendo alla sfida di nutrire le loro popolazioni in modo sostenibile. Importanti fattori strutturali di insicurezza alimentare, come la speculazione finanziaria sulla terra e sul cibo e il relativo fenomeno del land grabbing, sono stati semplicemente ignorati.

Il rapporto tra locale e globale è importante per la governance alimentare. Nel suo libro, lei parla anche della possibilità di costruire un sistema migliore che si estenda dall'alto verso il basso. Cosa intende dire?
C'è una relazione dialettica tra pressione dal basso verso l'alto e progressivi guadagni politici globali che possono aiutare a difendere lo spazio per gli attori locali. A mio avviso, la vera forza ed energia per cambiare i nostri sistemi alimentari è radicata nelle lotte delle comunità e dei movimenti sociali che si organizzano per difendere i loro diritti e mezzi di sussistenza.

Nora McKeon

Questi sforzi, tuttavia, spesso rischiano di essere schiacciati da poteri economici e politici oppressivi che operano a livello nazionale, regionale e globale. Movimenti sociali rurali come La Via Campesina hanno iniziato a creare una rete globale a partire dalla metà degli anni '90 per contestare le politiche dell' WTO, della Banca Mondiale e del FMI. Hanno svolto un ruolo importante nel trasformare il Comitato delle Nazioni Unite per la Sicurezza alimentare mondiale (CFS), con sede presso la FAO a Roma, nell'unico forum politico globale in cui le organizzazioni che rappresentano i settori sociali più colpiti dalle decisioni in discussione partecipano al dibattito allo stesso titolo dei governi. Grazie al loro impegno, i risultati del CFS, come le linee guida sul regime fondiario adottate nel 2012, contengono elementi di grande importanza per le comunità locali, come il riconoscimento della validità dei diritti collettivi e tradizionali ai territori.

Le linee guida sono ora utilizzate dalle comunità di tutto il mondo per sostenere le loro lotte, anche in Italia e altrove in Europa. Un altro spazio politico globale che può essere di sostegno ai movimenti popolari è il Consiglio per i Diritti umani delle Nazioni Unite con sede a Ginevra, che ha appena adottato una Dichiarazione sui diritti dei contadini e sta attualmente negoziando un trattato vincolante sulle società transnazionali.

La coerenza delle politiche è importante verticalmente, dal livello locale a quello globale e viceversa, ma anche orizzontalmente. Dobbiamo trascendere l'attuale situazione in cui le politiche economiche "dure" come la protezione del "libero scambio" e gli interessi degli investitori superano gli obiettivi politici "soft" come la difesa dei diritti delle persone e la salute del pianeta.

Le comunità devono essere potenziate non "per" sviluppare migliori modalità di gestione dell'approvvigionamento alimentare, ma perché lo stanno già facendo! I piccoli produttori sono responsabili del 70% degli alimenti consumati a livello mondiale e della maggior parte degli investimenti nell'agricoltura. Inoltre, l'80% del cibo consumato transita attraverso i mercati territoriali senza avvicinarsi a una catena alimentare globale o a un supermercato. Gli approcci agroecologici possono essere più produttivi dell'agricoltura industriale a seconda degli indicatori adottati, e i prodotti del sistema alimentare aziendale sarebbero molto più costosi se fossero obbligati a includere nel prezzo al consumo i costi sociali, sanitari e ambientali che generano. Questa è la realtà, non le fake news alimentate dalle narrazioni dominanti. Ecco, se vogliamo, una ragione in più per cui è importante parlare oggi di sicurezza e governance alimentare

Nora McKeon

Eppure le crisi alimentari continuano, la povertà cresce anche nei sistemi avanzati: questo significa che il potere delle imprese di trarre profitto speculativo dalle crisi e di alimentarle è senza freno?
La capacità del capitalismo di generare crisi e poi trasformarle in opportunità per nuove forme di accumulazione è leggendaria. Uno dei miei esempi preferiti degli sforzi attuali in questa direzione sono le "api" drone che le aziende agricole stanno promuovendo - senza apparente ironia - come splendida soluzione alla scomparsa delle vere api a causa dell'uso eccessivo di pesticidi di cui l'agricoltura industriale stessa è la causa. Meno aneddoticamente, la quarta rivoluzione industriale del World Economic Forum, con le sue "12 tecnologie di trasformazione" per l'"agricoltura di precisione", rivendica la capacità di nutrire il mondo essenzialmente senza agricoltori, territori, governi o responsabilità. È concepibile che possano passarla liscia? Io penso di no. Gli stress sociali, economici, politici ed ecologici generati dai livelli grotteschi di disuguaglianza e dalle speculazioni non regolamentate del regime attuale - compreso il sistema alimentare globalizzato - sono sempre più evidenti. Una delle principali manifestazioni del senso di impotenza frustrato dei popoli, per ora, è l'adesione a quel tipo di nazionalismo conservatore e xenofobo che sta investendo tutti i continenti. Ma non deve essere l'unico. C'è spazio e opportunità per reazioni che si basano sull'agenzia e la creatività delle persone, e il cibo è uno dei luoghi in cui questo sta accadendo.

Responsabilizzazione delle comunità, ma come? Esiste una "terza via" tra pubblico e privato nella gestione di beni primari come il cibo?
Non si tratta tanto di una "terza via" quanto di una migliore articolazione dei ruoli e delle responsabilità di entrambe le sfere. La governance a tutti i livelli è oggi contagiata da un'epidemia di "multistakeholderismo", che permette a tutti gli attori di entrare nella stanza su un piede di parità, senza attenzione agli interessi perseguiti, alle responsabilità o agli squilibri di potere. Il risultato è quello di aprire la porta al controllo delle imprese e alla speculazione su quelli che dovrebbero essere beni pubblici, soffocando la voce delle comunità ed eliminando la responsabilità del governo. Dobbiamo difendere il primato delle politiche pubbliche e, seguendo il quadro dei diritti umani, del negoziato politico tra i titolari dei diritti e i titolari dei doveri. Le imprese non hanno posto nell'elaborazione delle politiche e delle regole in base alle quali esse stesse dovrebbero essere regolamentate. Dobbiamo denunciare lo storytelling del tutto infondato della superiorità del settore privato e dei "partenariati pubblico-privato" nella fornitura di beni e servizi nel settore agroalimentare e agricolo. Dobbiamo riconoscere che la logica agro-imprenditoriale, coniugata con la generazione di profitti per gli azionisti, è diversa e probabilmente incompatibile con la logica della piccola agricoltura familiare alla ricerca di redditi remunerativi per il lavoro svolto. Il secondo, e non il primo, è inserito in reti territoriali in cui può prosperare un approccio all'approvvigionamento alimentare valorizzando le relazioni sociali, in cui si crea occupazione, i consumatori possono accedere a diete sane basate su produzioni agroecologiche locali diversificate, e il valore aggiunto attraverso la prossimità di trasformazione e commercializzazione rimane sul territorio e contribuisce a strutturarne l'economia.

Le comunità devono essere potenziate non "per" sviluppare migliori modalità di gestione dell'approvvigionamento alimentare, ma perché lo stanno già facendo! I piccoli produttori sono responsabili del 70% degli alimenti consumati a livello mondiale e della maggior parte degli investimenti nell'agricoltura. Inoltre, l'80% del cibo consumato transita attraverso i mercati territoriali senza avvicinarsi a una catena alimentare globale o a un supermercato. Gli approcci agroecologici possono essere più produttivi dell'agricoltura industriale a seconda degli indicatori adottati, e i prodotti del sistema alimentare aziendale sarebbero molto più costosi se fossero obbligati a includere nel prezzo al consumo i costi sociali, sanitari e ambientali che generano. Questa è la realtà, non le fake news alimentate dalle narrazioni dominanti. Ecco, se vogliamo, una ragione in più per cui è importante parlare oggi di sicurezza e governance alimentare.

Contenuti correlati