Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Education & Scuola

G8: Stanca annuncia un gruppo di lavoro sul digital divide

Sarà costituito all'interno del ministero come primo nucleo del pool internazionale che fornirà assistenza e consulenza ai Paesi poveri

di Gabriella Meroni

Oggi alle 15.00 il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie Lucio Stanca, ha presentato il Rapporto della “Dot Force”, una speciale “Task Force” internazionale – creata in occasione del G8 di Okinawa e presieduta dall’Italia – che ha la caratteristica di essere composta da esperti di governi, imprese private, organizzazioni non governative e organizzazioni internazionali. Il Rapporto propone azioni per colmare il “digital divide” che oggi preclude alla gran parte della popolazione mondiale l’accesso alle tecnologie informatiche e ai suoi benefici. Durante l’incontro, a cui hanno partecipato gli esperti internazionali della “Dot Force”, è stato presentato il “Genoa Action Plan” che prospetta diverse forme di collaborazione con i Paesi in via di sviluppo nel formulare specifiche strategie per la diffusione dell’ Ict (Information communication technology). L’Italia – ha dichiarato il ministro Stanca – intende contribuire alla realizzazione concreta delle proposte contenute nel “Genoa Action Plan”. In primo luogo, costituendo presso il Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie un apposito team di esperti misto pubblico-privato che sarà il primo nodo del pool internazionale che fornirà assistenza e consulenza ai Paesi interessati. In secondo luogo, proponendo agli altri partner del G8 la costituzione di un fondo che finanzi le attività del pool internazionale. Il fondo sarà aperto alle contribuzioni di fondazioni e imprese private. In terzo luogo, continuando ad assicurare per i prossimi sei mesi la presenza della “Dot Force”.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA