5 per mille, il podcast

Così Ail trasforma i sogni in futuro

Il 5 per mille sostiene la ricerca scientifica per la cura di leucemie, linfomi e mieloma e permette di assistere i pazienti e le loro famiglie, in tutte le fasi della malattia. Ascolta il podcast con le testimonianze del presidente Giuseppe Toro e di Luciana, che da anni destina il suo 5 per mille a Ail

di Gianmarco Landucci

«Dietro ogni diagnosi ci sono sogni e speranze. Per questo il 5 per mille è essenziale, per permettere alla ricerca di trovare gli strumenti per sconfiggere il male invisibile». Queste sono le parole di Luciana, sostenitrice di Ail. Destinare il 5 per mille ad Ail significa investire nella ricerca, per un futuro senza tumori del sangue. 

Nel podcast “5 per mille, il cambiamento nelle tue mani”  incontriamo Ail, associazione che da più di cinquant’anni finanzia la ricerca di cure per il tumori del sangue e dà supporto quotidiano ai pazienti e ai loro familiari. Lo fa sia in ospedale e nei presidi Ail, sia anche al domicilio dei pazienti. Ogni anno il 5 per mille destinato dagli italiani finanzia la ricerca contro i tumori del sangue come mielomi, linfomi e leucemie ed eroga borse di studio a giovani ricercatori. Una parte del 5 per mille viene destinata a Fondazione Gimema, l’istituzione che raccoglie le principali ematologie italiane, per lo studio indipendente dei protocolli sanitari e l’analisi dei farmaci messi a disposizione dei pazienti.


È Giuseppe Toro, presidente nazionale di Ail, a raccontare come il 5 per mille negli anni scorsi sia stato utilizzato per «dare supporto quotidiano ai pazienti attraverso numerosi servizi gratuiti come lo psicologo nei reparti ospedalieri: una figura di supporto fondamentale, che viene offerta gratuitamente a tutti i pazienti. Senza il 5 per mille la presenza di questa e altre figure, come il nutrizionista e il fisioterapista, non sarebbe mai potuta essere offerta gratuitamente. Nel 2024 creeremo ancora borse di studio per la ricerca, ma soprattutto implementeremo i servizi di assistenza». 

Con il 5 per mille diamo supporto quotidiano ai pazienti attraverso servizi come lo psicologo nei reparti ospedalieri: una figura fondamentale, che viene offerta gratuitamente a tutti

Giuseppe Toro, presidente Ail

Luciana è sostenitrice di Ail dal 2019, anno in cui le è stato diagnosticato un tumore. Ci racconta la sua storia e ci spiega l’importanza di donare il 5 per mille alla ricerca: «Ail mi ha aiutato a sconfiggere il male invisibile: per questo è importante donare alle ricerca, perché dietro la ricerca non è solo questione di cure, ma ci sono anche storie e speranze di un futuro migliore». 

“5 per mille, il cambiamento nelle tue mani”, è il podcast di VITA che racconta come ciascuno di noi può cambiare un pezzetto di mondo, destinando il suo 5 per mille. Ascolta la puntata dedicata e scopri i progetti che Ail ha già realizzato grazie al 5 per mille  (la trovi anche su tutte le piattaforme di streaming digitali). Sul sito 5×1000.vita.it puoi leggere di più su Ail e sul 5 per mille. 

Se vuoi destinare il tuo 5 per mille ad Ail, metti la firma nel riquadro “sostegno degli enti del Terzo settore” e inserisci il codice fiscale 80102390582.


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA