Pubblicità

Formazione per i Neet

Giovani neet e donne: a Roma un corso di formazione gratuito

Il progetto ha l’obiettivo di offrire formazione e possibili sbocchi occupazionali nell’ambito della cura a 20 giovani attualmente disoccupati o inattivi e donne in condizione di fragilità psicologica, sociale o economica, disoccupate o inattive. I promotori sono Dynamo Academy e Compagnie Assicurative Vita del Gruppo Intesa Sanpaolo

di Sabina Pignataro

Offrire una formazione gratuita, nel Lazio, per diventare Operatore Educativo per l’Autonomia e la Comunicazione –  Opeac. E’ questo l’obiettivo del progetto a beneficio di Neet, giovani che non studiano né attualmente abbiano un lavoro o siano in formazione, delle donne in condizione di fragilità psicologica, economica e sociale, attualmente inoccupate promosso da Dynamo Academy e da Compagnie Assicurative Vita del Gruppo Intesa Sanpaolo.

L’Opeac è  una figura abilitata all’assistenza all’autonomia, all’integrazione e alla comunicazione delle persone in età scolastica con disabilità.

Il corso, che si svolge a Roma ed è erogato da Fondazione Erifo Impresa Sociale, è riconosciuto dalla Regione Lazio e rilascia un certificato di qualificazione professionale valido su tutto il territorio nazionale.

Come si articola il corso

Il corso si rivolge a chi ha un diploma di scuola secondaria superiore, ha una durata totale di 322 ore, di cui 120 in stage. La teoria del corso include un modulo con formazione specifica sul Metodo Dynamo e sulla Terapia Ricreativa che caratterizza Dynamo Camp.
L’inizio del corso è programmato per il 22 novembre. Le domande di iscrizione possono essere consegnate entro il 10 novembre per via telematica scrivendo a: monitoraggioerifo@gmail.com. Per l’avviso di selezione completo, si può visitare la sezione news sul sito www.erifo.it

Gli altri progetti per i Neet e le donne

L’iniziativa parte dal tema dell’inclusione e della creazione di impatto sociale, con riferimento al grave disagio sociale in cui versa la popolazione dei NEET e delle donne in condizione di fragilità, e ha lo scopo di contribuire in modo concreto al loro inserimento nel mondo del lavoro, promuovendo la loro formazione e qualificazione, con un’attenzione particolare agli ambiti lavorativi che riguardano il benessere e la cura delle persone.

Formare Tecnico dell’Animazione Socio Educativa – Tase è stato l’obiettivo dei 3 i corsi attivati in Toscana dal 2022, a Firenze per un totale di 52 corsisti: i primi due corsi sono conclusi, con 35 corsisti qualificati e 17 attualmente in aula. Rispetto al primo corso, per cui è attivato un monitoraggio nel medio termine, a 9 mesi dalla conclusione, i 9 dei 17 corsisti qualificati, che hanno partecipato al monitoraggio, si sono tutti emancipati dalla condizione iniziale di Neet e fragilità: entrando nel mondo del lavoro (5), reinserendosi in percorsi di educazione e formazione (6) e cercando attivamente un’occupazione (6).

Formare le figure di Animatore Sociale e Operatore Socio Assistenziale – Osa è stato l’obiettivo del progetto che si è svolto in Campania. Sono 4 i corsi attivati  che coinvolgono in totale 52 Neet e donne in situazione di fragilità: i primi due corsi, per 26 donne e Neet tra Napoli e Salerno, sono in questo momento in fase di completamento con esame finale; il terzo e il quarto sono alla parte d’aula.

Tra poche settimane ci sarà una nuova espansione, in Puglia, con il Tecnico della cura e dell’assistenza all’infanzia.

Si tratta di figure, con differenti denominazioni, anche in base a specifiche qualifiche regionali, attive nel mondo della cura, a sostegno di persone fragili. Grazie alle competenze acquisite, i corsisti qualificati, oltre a acquisire strumenti per emanciparsi dalla condizione iniziale, possono intervenire di fatto in modo concreto in un’altra emergenza sociale, la necessità di disegnare una società inclusiva per anziani, persone con disabilità, minori non accompagnati o esclusi, persone fragili ed emarginate.

Foto di Adam Winger by Unsplash


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA