Pubblicità

Welfare

Lavoro, 550 coop toscane chiedono un confronto a Regione e Comuni

Confcooperative-Federsolidarietà e Sanità Toscane, il Dipartimento Welfare di Legacoop Toscana e Agci-Imprese sociali dopo il rinnovo del contratto nazionale: «Bene, ma il peso economico non può ricadere sulle imprese. Altrimenti si mettono a rischio i servizi». Al centro dell’attenzione la necessità di aggiornare il costo dei servizi, tariffe e basi d’asta degli appalti

di Redazione

Le cooperative sociali della Toscana chiedono alla Regione e all’Anci di aprire un confronto sui costi di gestione dei servizi che garantiscono ogni giorno: da quelli sanitari e sociosanitari ai servizi educativi e all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

Ad avanzare la richiesta – si legge in una nota – sono Confcooperative-Federsolidarietà e Sanità Toscane, il Dipartimento Welfare di Legacoop Toscana e Agci-Imprese sociali, in rappresentanza di 550 cooperative sociali che danno lavoro a più di 30mila persone, di cui oltre 3.000 svantaggiate.

Il 26 gennaio scorso Agci, Confcooperative e Legacoop, Fp-Cgil, Fp-Cisl, Fpl-Uil, Fisascat-Cisl e Uil-Tucs hanno firmato l’accordo per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro  della cooperazione sociale , che ora sarà sottoposto alla consultazione dei lavoratori e degli organismi delle organizzazioni datoriali. L’intesa comporterà – a regime – un cospicuo aumento del costo del lavoro e dei relativi costi di gestione delle strutture e dei servizi, in un contesto in cui tariffe, quote sanitarie e sociali sono ferme da anni e le basi d’asta degli appalti sono sempre più incongrue.

Chiesto un tavolo di confronto

Per questo motivo le tre Centrali Cooperative toscane hanno inviato una lettera a Regione e Anci Toscana chiedendo ufficialmente l’apertura di un tavolo di confronto. Due gli obiettivi: individuare insieme le strategie di sostegno al rinnovo del contratto collettivo nazionale e attuare le azioni necessarie per reperire le risorse opportune per l’adeguamento dei corrispettivi contrattuali e delle tariffe, anche attivandosi nei confronti del governo nazionale, dei ministeri competenti, della Conferenza Stato Regioni e di Anci nazionale.

«A oggi la nostra lettera alla Regione non ha ricevuto risposta» dicono la responsabile del Dipartimento Welfare di Legacoop Toscana, Assunta Astorino, i presidenti di Confcooperative-Federsolidarietà Alberto Grilli e di Agci-Imprese sociali Federico Pericoli «e per questo chiediamo pubblicamente alla Giunta toscana di attivarsi per convocarci e ascoltarci. Il Consiglio Regionale toscano, nel frattempo, ha approvato una mozione, con primo firmatario il presidente della Terza Commissione consiliare, Enrico Sostegni, che impegna la Giunta ad aprire il confronto: un segnale di attenzione di cui siamo grati ai consiglieri regionali e che crediamo ora debba essere raccolto da Palazzo Strozzi Sacrati».

Servono adeguamenti di contratti e tarifffe

«L’accordo sul rinnovo del contratto nazionale», continuano Astorino, Grilli e Pericoli «è un risultato importante che valorizza la cooperazione sociale e riconosce il ruolo fondamentale delle persone che ci lavorano. Al tempo stesso sarebbe ingenuo negare che il rinnovo del Ccnl, qualora le Pubbliche Amministrazioni committenti non dovessero riconoscere i necessari adeguamenti dei corrispettivi contrattuali e delle tariffe, pregiudicherà la sostenibilità economica di molte delle strutture e dei servizi garantiti dall’articolato sistema della cooperazione sociale».


Scegli la rivista
dell’innovazione sociale



Sostieni VITA e aiuta a
supportare la nostra missione


«La nostra forte preoccupazione non è solo relativa alla tenuta delle cooperative sociali che rappresentiamo ma, soprattutto, è collegata al concreto rischio che il mancato riconoscimento da parte delle pubbliche amministrazioni di questi adeguamenti contrattuali comporti l’inevitabile drastica diminuzione, se non interruzione, di servizi e presidi di prossimità a favore di cittadini e famiglie, spesso i più fragili e le più vulnerabili, delle nostre comunità», sottolineano Grilli, Astorino e Pericoli.

«Questo scenario, purtroppo, si basa sull’esperienza maturata negli anni precedenti, ed in particolar modo con l’ultimo rinnovo del Ccnl Cooperative sociali 2017-19, del cui aumento si è dovuto far carico in massima parte, se non esclusiva, il comparto della cooperazione sociale, attingendo anche alle proprie riserve statutarie», concludono.

In apertura photo by TopSphere Media on Unsplash


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA