Rio+20

Illy punta alla sostenibilità

18 Giugno Giu 2012 1326 18 giugno 2012

Anche l’azienda italiana al vertice brasiliano

  • ...
E2d59dd60eb319c32e5fa605c83be82a
  • ...

Anche l’azienda italiana al vertice brasiliano

Approvvigionamento sostenibile di materie prime, rapporti con i coltivatori, riduzione dell'impatto ambientale. Questi alcuni dei temi che saranno affrontati a Rio +20, il Vertice Mondiale dello Sviluppo Sostenibile, da Andrea Illy, presidente e amministratore delegato illycaffè che parteciperà alla Conferenza per parlare dell'impegno dell'azienda verso la sostenibilità. Impegno descritto nel Sustainable Value Report che verrà pubblicato online il 18 giugno. Il primo incontro, “Better linking smallholder farmers to markets”, previsto per domani, 16 giugno, e organizzato da United Nations Global Compact all'interno della sezione Sustainable sourcing del Corporate Sustainability Forum, analizzerà la capacità del settore privato di approvvigionarsi di materie prime agricole in maniera sostenibile e come società civile, governi e aziende stiano formando i piccoli produttori a rispondere alle richieste del mercato. Illy descriverà il rapporto tra l'azienda e i coltivatori da cui acquista il caffè verde, senza intermediazioni, e parlerà della supply chain.

Il secondo, “The carbon footprinting public-private projects” (18 giugno), è organizzato dal ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Andrea Illy e il ministro Corrado Clini presenteranno l'accordo volontario finalizzato all'analisi, riduzione e neutralizzazione dell'impatto sul clima del settore caffè, che ha l'obiettivo di definire un sistema di gestione delle emissioni di carbonio che possa fungere da modello per tutte le industrie del settore.

Illy presenterà anche uno studio sul calcolo delle emissioni di gas ad effetto serra associate alla produzione di caffè, realizzato in Brasile grazie alla collaborazione con Carlos Clemente Cerri dell'Università di San Paolo. Il lavoro, iniziato nel 2010, terminerà entro il 2012 e porterà all'individuazione delle aree di inefficienza energetica su cui intervenire.

L'iniziativa rientra in un programma articolato messo a punto dall'azienda, basato sugli obiettivi del pacchetto clima-energia fissati dall'Ue per il 2020: ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare al 20% il consumo di fonti rinnovabili.

Leggi anche:
Rio+20. Clini: probabile accordo vincolante

Nella foto di copertina Andrea Illy