Sos Villaggi dei Bambini

La Pina «traguardo raggiunto per Casa di Elisa»

22 Gennaio Gen 2013 1752 22 gennaio 2013

Un successo la campagna a sostegno della Casa di Elisa di Sos Villaggi dei Bambini Grecia. La Pina si è detta «troppo felice!» del risultato e ora vuole sostenere un altro Villaggio Sos in Grecia: quello di Vari

  • ...
La Pina E Sos Villaggi Dei Bambini Per Casa Di Elisa 2
  • ...

Un successo la campagna a sostegno della Casa di Elisa di Sos Villaggi dei Bambini Grecia. La Pina si è detta «troppo felice!» del risultato e ora vuole sostenere un altro Villaggio Sos in Grecia: quello di Vari

La Pina, dj e testimoniale di Sos Villaggi dei Bambini, ha mantenuto la sua promessa e sabato 18 gennaio è tornata in Grecia per riabbracciare i bambini accolti nella “Casa di Elisa” e consegnare a George Protopapas, direttore di Sos Villaggi dei Bambini Grecia, i fondi raccolti per sostenere il lavoro prezioso che gli operatori ed educatori compiono ogni giorni per e con i bambini vittime di abusi e maltrattamenti.

«Ragazzi sono troppo felice! Ero certa che grazie a tutti gli amici e sostenitori saremmo riusciti a raggiungere il nostro obiettivo: che dire? Lo abbiamo persino superato! Grazie a noi, i bambini non solo continueranno a ricevere amore e cure, ma Casa di Elisa potrà accogliere ancora più bambini garantendo loro una crescita serena» commenta La Pina. «Ora non voglio più fermarmi, come non si ferma Sos Villaggi dei Bambini che, dopo i due anni di terapia nella Casa di Elisa e in caso i bambini non possano fare ritorno in famiglia, li accoglie nel Villaggio Sos greco di Vari. Io voglio continuare ad aiutare questi meravigliosi bambini e sostengo il Villaggio Sos di Vari. Fate come me! Non fermatevi adesso!» conclude La Pina.

“Casa di Elisa”, nata per accogliere bambini dai 2 ai 5 anni di età allontanati dai loro genitori a causa di maltrattamenti e abusi molto gravi, è una casa molto speciale, in cui i piccoli trovano la protezione, l’affetto e la serenità necessari. Grazie alle cure di una Mamma Sos, educatrice dedicata e mamma per vocazione, riscoprono il calore di una famiglia e, con l’aiuto di specialisti, vengono accompagnati nel superamento dei traumi fisici e psicologici subiti.

Il progetto “Casa di Elisa” è unico nel suo genere e ha ricevuto un riconoscimento meritorio da parte dell’Unione Europea. Nasce con un duplice obiettivo: accogliere i bambini che hanno subito gravi abusi e sostenerli attraverso una terapia psicologica e specifici programmi educativi che permettano loro di vivere un futuro sereno.