Stati generali

Contro la crisi serve un Green New Deal

5 Aprile Apr 2013 1816 05 aprile 2013

Nella riunione del Consiglio nazionale della Green Economy stabilita la data degli Stati generali che si terranno il 6 e 7 novembre. In quell'occasione contro la crisi italiana sarà lanciato un Green New Deal

  • ...
Economy
  • ...

Nella riunione del Consiglio nazionale della Green Economy stabilita la data degli Stati generali che si terranno il 6 e 7 novembre. In quell'occasione contro la crisi italiana sarà lanciato un Green New Deal

All’Italia serve un Green New Deal contro la crisi economica, sociale e ambientale. La decisione di lanciare questo particolare piano è stata presa dal Consiglio nazionale della Green economy(formato da 61 organizzazioni di imprese) che si è riunito ieri al ministero dell’Ambiente, con un saluto del ministro Corrado Clini. Il consiglio nazionale ha anche rivolto un saluto al nuovo Parlamento nel quale ha auspicato da parte dei nuovi eletti l’assunzione di iniziative necessarie per affrontare le tanti crisi (economica, sociale e ambientale) che colpiscono l’Italia, con misure congiunte, concrete e incisive.

Da parte del Consiglio nazionale anche la decisione di tenere gli Stati Generale della Green Economy 2013 il 6 e 7 novembre e in quell’occasione lanciare un Green New Deal.

Tre le sessioni previste in occasione degli Stati generali del prossimo novembre:
la prima sessione, il 6 novembre mattina, sarà dedicata, con relatori europei e internazionali, alle condizioni e proposte per un Green New Deal;
la seconda, il 6 pomeriggio, con relatori qualificati e con dibattito, sarà dedicata al tema “Le iniziative locali e regionali per un green New Deal”;
la terza sessione, nella mattinata del 7 novembre, sempre con relatori qualificati e dibattito, al tema “Strumenti e misure economiche e fiscali per un Green New deal in Italia”.

Per preparare questa scadenza ed elaborare un pacchetto di misure verdi, di stimolo per la ripresa economica, sono stati attivati 10 gruppi di lavoro che concluderanno la loro prima parte di elaborazione entro il mese di maggio per poi essere trasmessa e discussa dal Consiglio nazionale della green economy.